Omega 3 e aumento massa: incentivo o inibizione?

- Scritto da in Culturismo Domande Frequenti Integratori Salute

Gli Omega 3 sono sostanze fondamentali per la vita con una attività spiccatamente antinfiammatoria: i bodybuilder quindi potrebbero considerare che questa caratteristica non sia per loro necessariamente positiva poiché è risaputo che l’infiammazione nella cellula muscolare a seguito dell’allenamento è la condizione che serve a realizzare i processi ipertrofici e quindi a guadagnare massa.

Omega 3 anti infiammatori: ostacolo all’aumento della massa?

Una dieta particolarmente ricca di Omega 3 quindi potrebbe apparire in contrasto con lo stimolo ipertrofico dell’allenamento. D’altra parte bisogna sempre tener presente che quello che fa bene alla salute non necessariamente va bene per il bodybuilder e per lo sviluppo muscolare che risulta il loro obiettivo.

Gli Omega 3 infatti sono sostanze particolarmente utili per la salute cardiovascolare e la longevità così come la curcumina o il resveratrolo. Anche questi ultimi però inibiscono l’incremento muscolare riducendo l’attività dell’enzima mTOR, che sostiene gli stimoli anabolici.

Omega 3 e aumento massa: uno studio suggerisce che possono favorirla

Per quanto riguarda gli Omega 3, già noti come importante sostegno alla salute cardiovascolare, pare che un recente studio canadese abbia dimostrato come siano in grado di sostenere anche la crescita della massa.

Gli omega-3 infatti sembrano correlati all’aumento della sensibilità insulinica che viene invece peggiorata dai grassi saturi e sarebbe inoltre in grado di aumentare anche l’attività dell’enzima mTOR.

Insulina ed enzima della crescita stimolerebbe quindi l’aumento della massa muscolare in modo diretto, quando il corpo si trova in una condizione organica di bilancio energetico positivo.

Questa informazione è particolarmente interessante per chi si allena con l’obiettivo di aumentare la massa muscolare ma risulta ancora più utile per i soggetti che hanno superato i 50 anni che subiscono in modo naturale una perdita graduale della loro muscolatura.

Con il tempo infatti le cellule diventano resistenti all’azione dell’insulina e questo va a scapito dei processi di crescita. Gli Omega 3 quindi migliorano la situazione di insulino-resistenza che tende ad aumentare con l’età e quindi potrebbe essere particolarmente utile l’assunzione di un supplemento naturale che li contenga per rallentare la perdita di massa tipica della avanzare dell’età.

Le chiavi dell’aumento della massa per i bodybuilder

Per quanto riguarda invece il giovane bodybuilder che si suppone abbia ancora una buona sensibilità all’insulina, il processo ottimizzato di crescita della muscolatura può avvalersi dei grassi pro-infiammatori come quelli contenuti nella carne.

L’obiettivo ipertrofico dovrebbe privilegiare la componente che più provoca lesioni a livello delle membrane cellulari del miocita – ossia la componente eccentrica degli esercizi nel momento in cui si raggiunge il livello più alto di acido lattico che destruttura le proteine elastiche destinate alle contrazioni e agli allungamenti.

L’abbinamento di carboidrati, insulina, aminoacidi, acido lattico, acidi grassi saturi, ormone GH ed allenamento eccentrico risultano alla base dell’ipertrofia. Esistono altre strade percorribili ma per chi ha l’obiettivo dell’aumento massa questa può essere una via preferenziale ed efficace, da tenere in considerazione. Gli integratori possono essere un aiuto valido per ottenere più rapidamente il risultato desiderato, favorendo il raggiungimento del bilancio energetico positivo (in termini di quota calorica assimilata) e sostenendo migliori performance durante i workout.