Vitamina C un nutriente essenziale

- Scritto da in Domande Frequenti Integratori Salute
vitamina C per collagene e muscoli

La vitamina C o acido ascorbico è una molecola solubile in acqua e un nutriente essenziale che in quanto tale dobbiamo introdurre con la dieta o gli integratori all’occorrenza. Questo perché il nostro corpo non è più in grado di produrla da solo come invece riescono ancora a fare molti animali: il nostro corpo ha perso tale capacità nel processo di evoluzione.

La vitamina C è presente soprattutto nei vegetali freschi, sia frutta che verdura: alcuni esempi che possiamo portare sulle nostre tavole sono arance, mandarini, fragole, limoni e kiwi ma anche spinaci, peperoni, pomodori e broccoli.

Bisogna ricordare che la vitamina C è sensibile all’ossigeno e alla temperatura: di conseguenza questi alimenti devono essere conservati per breve tempo e consumati preferibilmente crudi o comunque poco cotti perché si consideri che la cottura ne riduce la presenza di quasi l’ottanta per cento.

Questo antiossidante idrosolubile ci protegge dai radicali liberi sia nel liquido intracellulare che nel plasma ed è molto importante perché aiuta a rigenerare altri antiossidanti come la vitamina E il glutatione.

Gli sportivi sanno quanto sia importante assumere il corretto quantitativo di vitamina C che è fondamentale per la formazione dei tessuti connettivi e del collagene mantenendo in salute la pelle, i vasi sanguigni, le ossa e riparando i tessuti. La vitamina C prende anche parte alla struttura delle membrane cellulari fondamentali nella difesa nei confronti di virus e batteri e promuove la presenza dei linfociti e dei fagociti. A un dosaggio adeguato sostiene in modo eccellente la funzione immunitaria e sembra che prenda anche parte ai processi che vanno a diminuire l’istamina.

In condizioni di stress questa molecola è fondamentale perché aiuta a modulare i livelli di cortisolo adrenalina e noradrenalina. La vitamina C può migliorare il danno ossidativo generato dai virus grazie alla sua capacità di intervenire direttamente contro i radicali liberi e ripristinando altri antiossidanti. In tal senso essa viene consigliata come meccanismo preventivo per le patologie virali. Anche se non tutti gli studi sono perfettamente d’accordo su questo aspetto, gli scienziati risultano unanimi sul fatto che la vitamina C contribuisca ad ogni modo ad abbreviare la convalescenza durante le fasi di infezione.

La vitamina C è inoltre essenziale per permetterci di assorbire alcune sostanze come il ferro e l’acido folico, e prende parte al metabolismo di amminoacidi come la tirosina e la fenilalanina.

Uno studio del 2019 dell’equipe del dottor Righi ha studiato le evidenze relative all’integrazione di vitamina C sullo stress ossidativo, le infiammazioni, i danni muscolari e l’indolenzimento su volontari che si sono prestati a una sessione di esercizio fisico e risultati in buona salute.
Questo studio ci ha dimostrato che un supplemento di vitamina C aiuta a ridurre la risposta infiammatoria fino a 2 ore dal termine dell’attività fisica rispetto al placebo pur tuttavia non producendo effetti significativi a quanto pare per quanto riguarda il dolore e la forza.

Le dosi si sono rivelate efficaci soprattutto al di sopra dei 500 mg e a partire dai 40 minuti successivi all’ingestione orale mentre la forma sublinguale risulta ancora più veloce. I supplementi di vitamina C possono essere adottati con successo dagli atleti durante le competizioni sportive per favorire il recupero o anche per dare continuità all’esercizio fisico regolare, soprattutto per i principianti.