Perché i termogenici funzionano e ti aiutano a perdere peso

- Scritto da in Dimagrimento Domande Frequenti Integratori
come perdere peso con gli integratori termogenici

Gli integratori termogenici appartengono alla categoria dei prodotti dimagranti estremamente diffusi sia nell’ambito del fitness che del culturismo. Tali supplementi sono formulati per favorire la perdita del grasso incrementando il dispendio calorico attraverso una maggiore produzione di calore e di energia. La termogenesi corrisponde esattamente a tutti quei processi che intervengono sul metabolismo e che possono avvenire o nel grasso bruno o nei tessuti muscolari.

Esistono diverse attività di termogenesi ma quella che maggiormente riscuote l’interesse degli sportivi e degli addetti ai lavori, assai determinante nell’ambito del controllo del peso è quella indotta dall’alimentazione che viene chiamata anche termogenesi postprandiale. Questi integratori a seconda del tipo di attivo contenuto spingono il metabolismo a generare calore incrementando il consumo delle calorie utilizzate per completare i processi digestivi.

Ecco perché i termogenici riescono bruciare i grassi

Una doverosa premessa riguarda il principio del bilancio calorico negativo, fondamentale per poter dimagrire e rendere efficaci questi prodotti. Se i termogenici vengono utilizzati in sinergia ad una dieta strutturata in maniera da incentivare già da sola la lipolisi, funzioneranno in maniera amplificata. Per dimagrire infatti bisogna introdurre meno calorie rispetto all’ammontare consumato durante il giorno e senz’osservare tale principio non potremmo conseguire l’obiettivo di ottenere una migliore composizione corporea a scapito dei grassi, nonostante tutto l’impegno nell’attività fisica e nella dieta. I termogenici in particolare iniziano a fare la differenza in termini di definizione muscolare man mano che ci si avvicina al pareggio calorico.

Tra i termogenici brucia grassi che possiamo trovare in commercio andiamo a distinguere quelli che vanno a sostenere la termogenesi che per il 75% è indotta dalla dieta e proviene dall’energia utilizzata per il trasporto e lo stoccaggio dei nutrienti, e il 25% che invece è determinato dall’attività di sostanze come la caffeina che risulta tra le molecole più presenti in questi integratori.

Grassi, carboidrati e proteine hanno inoltre già un loro intrinseco potere termogenico che corrisponde al 10% nei glucidi, al 3,5% nei lipidi e al 25% di effetto termico per le proteine. Questi semplici dati ci lasciano intuire come le proteine siano il nutriente di maggiore impatto sull’ottimizzazione del bilancio calorico. Impostare una dieta più ricca di proteine in caso di definizione e dimagrimento può aiutare a incentivare già da sola la termogenesi e il consumo calorico, migliorando gli effetti dei termogenici assunti in sinergia.

Gli ingredienti (quasi) sempre presenti nei termogenici: caffeina e tirosina

La caffeina, utilizzata ultimamente soprattutto nella sua forma anidra, è un alcaloide che interviene sul sistema nervoso aiutando a stimolare la produzione ormonale delle catecolamine ossia dopamina, adrenalina e noradrenalina. Tali composti aumentano il battito cardiaco, alzano il metabolismo e aiutano non solo a prepararsi al meglio all’attività fisica ma anche ad incentivare il dispendio di calorie che concorre sistematicamente al dimagrimento. Inoltre l’adrenalina attiva la degradazione dei trigliceridi e il rilascio degli acidi grassi nel sangue che verranno utilizzati a scopo energetico, migliorando la performance e la composizione corporea allo stesso tempo.

La tirosina è un aminoacido non essenziale che per certi aspetti assomiglia alla caffeina: essa è un precursore delle catecolamine e della tiroxina, un ormone tiroideo. La tirosina riesce ad esplicare un effetto termogenico incrementando il dispendio energetico, mobilitando il colesterolo e i grassi e aumentando la responsività organica alle catecolamine.

Se quindi decidi di avvalerti del sostegno di un termogenico che contiene caffeina e tirosina,  attieniti scrupolosamente allil piccoloe indicazioni in etichetta ed evita di assumerlo a ridosso delle ore di riposo poiché questi attivi possono alterare la capacità del sonno e la qualità dello stesso.