Proteine per la palestra: l’integratore che nutre la tua massa

- Scritto da in Culturismo Domande Frequenti Integratori Sport

Le proteine sono gli integratori più acquistati in assoluto nell’ambito delle palestre perché rappresentano tra gli strumenti più validi per la costruzione muscolare e sono utilizzati sia nelle fasi di massa, per l’aumento della stessa, sia nelle fasi di dimagrimento e definizione per conservarne il tono e contrastare il catabolismo tipico dei regimi alimentari restrittivi.

La caratteristica principale delle proteine è quella di contenere aminoacidi ossia materiale plastico atto alla ricostruzione dei tessuti che si danneggiano durante l’allenamento. In questo modo il corpo rigenera un muscolo più resistente, grande e performante nel fenomeno noto come ipertrofia.

Le diverse fonti proteiche degli integratori

Le proteine del siero di latte hanno un valore biologico più elevato rispetto alle altre fonti e il nostro organismo riesce a utilizzarne un quantitativo superiore per migliorare la sintesi proteica. Esistono comunque altre fonti molto valide, dall’uovo a tutto il filone delle vegetali che danno il massimo assunte in miscele per ottenere il completo corredo di aminoacidi.

Perché acquistare proteine per la palestra

L’allenamento e l’alimentazione sono fondamentali per ottenere qualsiasi obiettivo ma gli integratori possono rappresentare un aiuto importante in alcuni casi addirittura indispensabile per ottenere più rapidamente il proprio traguardo.

Gli allenamenti più intensi sottopongono i tessuti a stress e lesioni e l’assunzione di proteine consente di ristrutturare questi danni; se una dieta equilibrata potrebbe almeno in teoria soddisfare la quota proteica, questi supplementi risultano in realtà necessari perché chi pratica questa attività avrebbe necessità di introdurre proteine quasi ogni tre ore per evitare il catabolismo muscolare.
Risultando ciò praticamente impossibile con la normale alimentazione, i supplementi alimentari diventano imprescindibili in tal senso, non solo per un discorso di praticità.

Un’altra motivazione importante è che il cibo può contenere anche sostanze indesiderate, non presenti invece negli integratori, come ad esempio i grassi saturi e il colesterolo: Se dovessimo nutrirci cinque o sei volte al giorno di queste pietanze senza utilizzare integratori accumuleremmo grasso e sul medio – lungo termine porremmo le basi per patologie anche molto severe.

Proteine: digeribilità e tempistiche di utilizzo

Un altro motivo per cui le proteine da palestra sono molto apprezzate è la loro digeribilità: alla fine dell’allenamento il nostro corpo cerca un immediato rifornimento di proteine e carboidrati: se cercassimo di ottenere la quota necessaria da un etto di carne rossa, gli sforzi in palestra sarebbero in parte vanificati perché il cibo detiene dei tempi digestivi più lunghi rispetto alla capacità del nostro organismo di assimilare un integratore. Attendere tempistiche digestive prolungate significherebbe attivare i processi di distruzione delle proteine ossia l’opposto di ciò che vogliamo ottenere.

Possiamo assumere proteine sostanzialmente in tre momenti diversi della giornata: al mattino quando il corpo ha bisogno di immediato nutrimento dopo aver terminato le scorte notturne, e allora possiamo optare per una proteina a veloce rilascio di aminoacidi. Al termine dell’attività fisica è indicata sempre una proteina veloce insieme possibilmente a un carboidrato ad elevato indice glicemico che facilita l’ingresso dei nutrienti all’interno delle cellule.

Prima di coricarsi la sera dobbiamo invece garantire una copertura di aminoacidi durante la notte e in tal senso può essere consigliabile una proteina a lento rilascio come le caseine, che rappresentano le proteine più lente in assoluto, o alcune proteine vegetali, per contrastare il catabolismo.