L’importanza di assumere antiossidanti

- Scritto da in Boxe Calcio Culturismo Domande Frequenti Integratori Salute Sport

Per comprendere il ruolo fondamentale degli antiossidanti è bene partire dai radicali liberi. Si tratta di molecole o atomi reattivi caratterizzati da elettroni spaiati per eccesso o per difetto che vanno a determinare uno sbilanciamento della carica elettromagnetica. Questa situazione instabile viene compensata andando a prelevare l’elettrone necessario ad un altro atomo, generando nuovi radicali liberi e innescando una vera e propria reazione a catena.

Se in questo processo vengono coinvolte delle molecole strutturali ecco che ssi determinano danni cellulari che accelerano l’invecchiamento e si configurano come potenziali cause di innesco di malattie degenerative. La formazione dei radicali liberi risulta un fenomeno del tutto fisiologico tipico di praticamente tutte le reazioni biochimiche che avvengono costantemente nel nostro corpo, in particolare in quelle coinvolte nella produzione energetica. Tuttavia l’organismo umano ha a disposizione gli antiossidanti, la nostra migliore difesa capace di neutralizzare l’eccesso di radicali liberi, mantenendo l’equilibrio elettromagnetico generale.

Antiossidanti e radicali liberi: un processo naturale da tenere sotto controllo

Sappiamo che lo svolgimento di attività fisica in particolare quella intensa aumenta l’utilizzo di ossigeno e quindi la presenza di radicali liberi. Queste molecole instabili possono determinare dei danni diretti anche alle cellule muscolari. Bisogna però riconoscere che l’attività fisica regolare migliora la capacità antiossidante naturale del corpo e quindi è corretto affermare che gli atleti meglio allenati sono anche quelli più in grado di contrastare i radicali liberi.

Negli individui invece più sedentari o comunque poco allenati o in condizioni di sovrallenamento i radicali liberi superano decisamente la capacità di difendersi del corpo. Ecco quindi che questa categoria di soggetti, insieme ai fumatori e ad altri soggetti debilitati caratterizzati da una bassa presenza di antiossidanti endogeni, risulta il miglior candidato all’assunzione di integratori per migliorare le difese interne.

L’utilizzo di supplementi naturali a base di antiossidanti  consente non solo di proteggere meglio i tessuti dai danni generati dai radicali liberi ma anche di migliorare nel medio e lungo periodo in maniera significativa la performance fisica.

Gli antiossidanti più importanti per chi fa sport

Esistono tante categorie e famiglie di antiossidanti con funzioni e capacità specifiche complementari e quindi è sempre bene non enfatizzare una singola sostanza, dato che ogni molecola nelle giuste quantità è fondamentale a determinare l’equilibrio complessivo. Allo stesso modo bisogna osservare come se pure esistono decine di antiossidanti, troviamo anche molte famiglie di radicali liberi.

Tra gli antiossidanti più importanti da assumere per contrastare l’effetto dannoso dei radicali, ricordiamo in primo luogo il glutatione che interviene fermando il processo a cascata dei radicali liberi ricevendo o donando un proprio elettrone. Il glutatione così a sua volta si trasforma in un radicale libero che grazie però alla presenza di altri antiossidanti, interrompe la catena formando prodotti di scarto innocui. La collaborazione tra antiossidanti è quindi un aspetto fondamentale: ricordiamo ad esempio la vitamina E e la vitamina C che interviene nel rigenerarla, il selenio, la vitamina A, il rame, lo zinco e i flavonoidi. Un altro integratore molto interessante ed efficace soprattutto per gli sportivi è l’acido alfa-lipoico.

A seconda della concentrazione presente, i dosaggi dei vari antiossidanti possono variare ed è quindi opportuno attenersi alle indicazioni delle etichette sui prodotti acquistati.