Integratori per tenere lo stress sotto controllo

- Scritto da in Domande Frequenti Integratori Notizie e Novità Salute

Il nostro benessere quotidiano si fonda non solo sull’alimentazione e l’allenamento ma anche sulla corretta gestione dello stress. Questa situazione infatti aumenta la presenza di cortisolo che quando viene prodotto entro certi limiti può sicuramente essere di sostegno alla prestazione atletica, tuttavia quando è presente in maniera eccessiva, come ad esempio in una situazione di sovrallenamento o per via della vita frenetica di ogni giorno, genera una situazione catabolica, favorisce l’aumento di grasso ed è dannoso anche per la memoria e le altre facoltà mentali.

Eccesso di cortisolo e stress

Se l’eccesso di cortisolo derivato da un eccessivo allenamento può essere controllato diminuendo la portata del workout è più difficile invece tenere a bada quello che deriva dai ritmi della vita quotidiana, caratterizzata da poco tempo a disposizione e tanta tecnologia per la quale ci vengono richieste sempre una costante disponibilità e reattività.

Per contenere lo stress esistono tanti strumenti alternativi e differenti, dalla meditazione alla respirazione, dalla musica alla pratica yoga… ma per quanto riguarda il nostro ambito di interesse prenderemo in considerazione gli integratori e le abitudini alimentari.

Tenere sotto controllo l’ostessa con l’alimentazione e i supplementi naturali

Per quanto riguarda la dieta è opportuno frazionare i pasti e nutrirsi ogni tre o quattro ore senza abbondare e cercando di mantenere un certo equilibrio nei vari macro nutrienti, prediligendo quelli con un buon rapporto di fibre come frutta e verdura. Il cortisolo infatti viene ulteriormente incentivato da un eccesso di carboidrati ad alto indice glicemico che elevano la glicemia e stimolano l’insulina generando in una fase successiva di ipoglicemia e una produzione massiccia di cortisolo.

I migliori integratori contro lo stress

Quando si soffre di eccesso di cortisolo ci sono alcuni principi attivi particolarmente funzionali nell’ambito dell’integrazione alimentare naturale:

  • la fosfatidilserina ad esempio è un supplemento che a livello cellulare costituisce le membrane e interviene riducendo il cortisolo sanguigno con un’attività di modulazione ormonale;
  • la tirosina è una molecola coinvolta nella produzione di adrenalina e noradrenalina, fondamentali affinché il nostro corpo possa adattarsi agli stress sia psicologici che fisici soprattutto quelli intensi ed improvvisi: questo attivo è capace di aumentare la sopportazione all’affaticamento sia psichico che organico;
  • la robiola rosea è una adattogeno capace di aiutare a sopportare meglio le situazioni di stress più importanti aumentando le endorfine e riducendo i fattori che promuovono una maggiore presenza di cortisolo. Risulta estremamente utile per tutti gli sportivi che vogliono accorciare i tempi di recupero dopo gli allenamenti più estenuanti.
  • Anche il basilico sacro è una pianta medicinale che riduce il cortisolo aiutando inoltre a tenere sotto controllo la glicemia e l’insulina in caso di alterazioni da stress;
  • il ginseng indiano è un adattogeno consigliato a chi soffre di ansia, capace di intervenire riducendo la produzione di cortisolo;
  • anche la corteccia di magnolia esplica un effetto rilassante intervenendo sui recettori GABA e abbassando i livelli di questo ormone;
  • il Reishi è un fungo con effetto adattogeno, antinfiammatorio e antiossidante capace di migliorare la qualità del sonno, la glicemia e la pressione;
  • gli aminoacidi ramificati inibiscono la produzione di cortisolo aumentando sia la sintesi di glutammina muscolare sia prevenendone la perdita;
  • il magnesio regola i livelli di cortisolo nelle situazioni di stress e previene mal di testa e sensazione di esaurimento fisico;
  • infine la vitamina C è stata dimostrata un agente capace di ridurre la concentrazione di cortisolo soprattutto se somministrata in una dose di 3 g prima dell’allenamento, facendo sì che i livelli di cortisolo possano rientrare più velocemente entro livelli normali dopo un’attività fisica stressante.