Brucia grassi e termogenici: quali benefici?

- Scritto da in Dimagrimento Domande Frequenti Integratori

Quando si parla di sostanze dimagranti, bisogna operare una netta distinzione tra la mera perdita di peso e un miglioramento della composizione corporea a scapito dei grassi. Nel primo caso abbiamo l’evidenza della bilancia che inizia a segnare qualche chilo in meno mentre nel secondo, l’aspetto del peso potrebbe anche finire in secondo piano, nel caso in cui si vada a ridefinire il fisico aumentando la muscolatura e diminuendo il tessuto adiposo.

Proprio in quest’ultima categoria rientrano i prodotti brucia grassi e termogenici che secondo la scienza contengono principi attivi capaci di aumentare il metabolismo inducendo il corpo a produrre più calore e quindi ad aumentare il dispendio di energia. Tali integratori favoriscono l’ossidazione dei grassi in energia, migliorano la capacità di attenzione e di resistenza sia dal punto di vista fisico che intellettuale, tengono sotto controllo l’appetito, (qualità che viene definita come anoressizzante), e potenziano le capacità antiossidanti del corpo. Inoltre essi aumentano la frequenza cardiaca, la reattività delle fibre muscolari, stimolano la diuresi favorendo l’eliminazione dei liquidi in eccesso e stimolano la produzione di succhi digestivi, (proprietà utile in alcune condizioni di ipocloridria).

Il ruolo biologico dei termogenici brucia grassi

Questi prodotti combinano a seconda dell’etichetta i vari principi attivi per modulare i processi endogeni di termoregolazione. Questi complessi meccanismi sono in parte influenzati anche dall’alimentazione poiché bisogna considerare anche le calorie bruciate per la digestione, il trasporto, lo stoccaggio e l’eliminazione dei vari nutrienti ingeriti. L’aspetto legato ai supplementi termogenici è quello di facilitare il dimagrimento aumentando l’energia che viene spesa per generare calore.

Utilizzo sportivo dei termogenici brucia grassi

Molti sportivi utilizzano termogenici durante la fase dimagrante per definire al meglio la muscolatura, ma tali prodotti risultano efficaci anche per il trattamento di condizioni patologiche come l’obesità e quando le capacità termogeniche di un paziente risultano in qualche modo compromesse.

Tali supplementi riescono a modulare i meccanismi termogenici e a favorire una migliore composizione corporea. Un altro aspetto da considerare riguarda quello alimentare poiché la maggior parte delle diete ipocaloriche incide negativamente sui processi di termogenesi indotta dalla dieta, abbassando il metabolismo del paziente e rendendo ancora più difficile la perdita di peso, soprattutto quando mancano gli ultimi chili al traguardo del peso forma.

Ecco quindi che l’assunzione di attivi capaci di sostenere la termogenesi su più fronti aumenta il metabolismo e promuove la preferenziale ossidazione dei grassi, migliorando la composizione corporea a scapito dei tessuti adiposi. Un effetto analogo all’azione termogenica di questi prodotti può essere considerato quello dell’attività fisica in abbinamento a una dieta equilibrata e calibrata.

Questi prodotti diventano particolarmente efficaci in sinergia a tutto questo e soprattutto quando ci si avvicina almeno al pareggio calorico – che segna la differenza tra le calorie introdotte e quelle bruciate. Per dimagrire, le calorie bruciate devono essere superiori a quelle introdotte e si tratta di un principio imprescindibile.

Per quanto riguarda i dosaggi, in ogni integratore troveremo le indicazioni che si riferiscono al contenuto ed è sempre opportuno non eccedere rispetto la dose che viene consigliata per evitare effetti indesiderati. L’assunzione di solito viene consigliata prima del pasto ma anche in questo caso è opportuno sempre attenersi alle etichette.

In caso di patologie preesistenti o di assunzione di farmaci, è importante consultarsi con il proprio specialista in maniera da scongiurare interazioni ed effetti collaterali.