Accumulo di peso e differenza tra grasso bianco e grasso bruno

- Scritto da in Dimagrimento Domande Frequenti Notizie e Novità Salute

Chi cerca di perdere peso troverà sicuramente utile ed interessante la distinzione tra grasso bianco e grasso bruno. Il grasso può essere considerato come una enorme ghiandola endocrina capace di produrre e di ricevere segnali ormonali, e capace anche di secernere ormoni veri e propri.

Il grasso può essere definito come energia potenziale, una riserva da utilizzare all’occorrenza in presenza di alcune condizioni. Chi si trova in uno stato di sovrappeso o obesità presenta un gran numero di cellule grasse in deposito che il corpo non riesce a utilizzare perché nel tempo ha perso l’abitudine a farlo.
Le cause possono essere molteplici, dall’abitudine alla sedentarietà fino ad allenamenti sbagliati, diete non corrette e così via.

Riprogrammare il corpo per bruciare grassi

Per insegnare al corpo a produrre energia a partire dal grasso una chiave importante è quella di imparare a nutrirsi nella maniera corretta e nel momento corretto. Esistono infatti alcuni fattori che favoriscono il dimagrimento e altri che invece provocano l’accumulo di grasso e a seconda della prevalenza degli uni o degli altri la nostra composizione corporea si modifica.

Questi equilibri delicati e dinamici quindi sono la base di un processo di ricomposizione corporea. Quando siamo stressati, il nostro corpo produce una maggiore quantità di cortisolo, un ormone che rappresenta uno di quei fattori che favoriscono l’accumulo di grasso: lo stress inibisce inoltre l’ormone del GH che è quello che invece ci aiuterebbe a dimagrire.

La salute del fegato e dell’intestino incidono sul dimagrimento

La stragrande maggioranza degli ormoni della tiroide necessita di una attivazione a livello epatico e quindi se il fegato è grasso questa attivazione non può realizzarsi correttamente. E’ importante quindi valutare in caso di presunta tiroide pigra la condizione del fegato e dell’intestino che sono sempre strettamente connessi con la capacità del nostro corpo di bruciare grassi.
Oltre a queste condizioni non bisogna dimenticare che anche l’allenamento andrebbe adeguatamente personalizzato, per evitare di peggiorare la situazione.

L’eccesso di grasso quindi è un sintomo e non la causa dell’obesità. Il nostro corpo lo utilizza per produrre energia quando le scorte di glucosio e di glicogeno si esauriscono ma oggi siamo così abituati ad assumere tanti carboidrati che il fisico non è più capace di accedere correttamente ai grassi per la produzione energetica.

La maggior parte delle persone introduce troppi carboidrati che vengono convertiti in grasso scatenando una situazione di insulino resistenza ed infiammazione cronica. Questo non significa che dobbiamo rinunciare ai carboidrati ma solamente che è necessario riequilibrare la loro proporzione valutando attentamente il fabbisogno di tutti i nutrienti.

Il grasso bianco è un deposito costituito da una singola grande goccia di grasso, distribuito sotto la pelle e tra le viscere mentre il grasso bruno è una cellula ricca di tante piccole gocce di grasso e quindi tanti mitocondri.

Dobbiamo quindi imparare ad attivare soprattutto il grasso bruno mentre il grasso bianco è fisiologicamente necessario per garantire l’equilibrio ormonale soprattutto per quanto riguarda la situazione femminile. L’attenzione va quindi posta alla modulazione dei nostri ormoni e al loro equilibrio per consentire al corpo di utilizzare correttamente il grasso stoccato a nostro vantaggio, migliorando allo stesso tempo le percentuali della nostra composizione corporea.