Quanto è importante la colazione?

- Scritto da in Dimagrimento Notizie e Novità Salute Sport

Quando ci svegliamo al mattino il nostro corpo arriva da un digiuno di circa otto o nove ore e quindi si ritrova in una necessità fisiologica di ricevere cibo. Gli alimenti servono sia a recuperare il glicogeno epatico esaurito durante la notte sia per bloccare il catabolismo – incentivato dai livelli più elevati di cortisolo che caratterizzano questo fase della giornata.

I ritmi circadiani elevano l’ormone cortisolo al mattino per darci energia immediata anche in assenza di cibo a scapito però della sintesi di nuove proteine e quindi della massa magra. Una buona colazione quindi è il segnale ideale che dà via libera al nostro cervello di attivarsi e regolare il metabolismo consumando quanto necessario.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

RianimaTOR 120cpsMax Protein NutChoc 450gOatmeal 3K

L’importanza della prima colazione per la massa e la salute

Se al mattino non introduciamo cibo infatti il corpo abbassa il metabolismo per ridurre i consumi, perché presume di non ricevere cibo anche nelle ore successive. Con una metafora automobilistica potremmo dire che se abbiamo poca benzina e non sappiamo che distanza dobbiamo percorrere prima di raggiungere il successivo distributore, allora meglio procedere lentamente per consumare meno e sperando di arrivare al distributore di carburante in tempo!

Gli uomini primitivi in condizioni climatiche favorevoli avevano al mattino abbondanza di frutta e di scorte ma se al contrario non c’era niente da mangiare la situazione sarebbe rimasta la medesima per tutto il giorno: quindi il corpo reagiva trasformando eventuali alimenti introdotti in scorte energetiche sotto forma di grasso per affrontare il periodo di carestia.

Quindi chi salta la colazione al mattino non fa altro che indurre l’abbassamento del proprio metabolismo con la tendenza ad accumulare più facilmente grasso da ciò che viene mangiato dopo.

La scienza e la prima colazione: interessanti risultati e studi clinici

Numerosi studi hanno evidenziato come una buona colazione esplichi un effetto dimagrante. Addirittura nel 2004 una ricerca ha dimostrato la relazione inversa tra quanto si mangia alla mattina e il totale delle calorie apportate durante il giorno: in particolare i soggetti che seguivano una buona collezione limitavano poi maniera spontanea le calorie nel resto dei pasti, mentre chi saltava la colazione o mangiava poco, compensava eccedendo il resto della giornata.

Inoltre chi salta la colazione presenta di solito una peggiore sensibilità all’insulina e un indice di massa corporea più elevato, com’è stato osservato in una ricerca scientifica svolta sulle abitudini dei bambini. Alcuni studi mirati su soggetti di età più avanzata hanno coinvolto individui obesi notando come l’obesità fosse prevalente in coloro che avevano l’abitudine di saltare la colazione. Chi salta la colazione inoltre presente di solito un abbassamento del potassio e delle fibre durante il giorno e riesce a svolgere meno attività fisica rispetto a soggetti che invece iniziano la giornata con un buon pasto.

Anche nell’ambito del fitness l’importanza di una buona colazione è stata ampiamente rivalutata perché gli allenamenti a digiuno non sempre rappresentano la soluzione migliore: bisogna tener infatti in considerazione che il digiuno determina il rallentamento del proprio metabolismo riflettendosi anche sulla capacità di ossidare grassi e sulla reattività del corpo, la lucidità mentale e le performance. Prima dell’allenamento è quindi opportuno provvedere ad un pasto proteico, anche a protezione della massa muscolare guadagnata fino a quel momento.