Alcune errate credenze alimentari che riguardano le proteine

- Scritto da in Alimentazione Domande Frequenti Salute

Le proteine sono un nutriente essenziale per la nostra esistenza perché forniscono il materiale per la formazione degli enzimi e degli ormoni, consentono una efficiente comunicazione tra i nervi e il cervello e sono utilizzate per la rigenerazione e la crescita di qualsiasi tipo di cellula, compresa ovviamente quella muscolare.

Le proteine sono presenti in ogni cellula del nostro organismo e quindi il consumo di questo nutriente è ovviamente essenziale per la vita; molti specialisti alimentari tuttavia continuano a diffondere teorie ormai superate ed è quindi nostra intenzione sfatare alcuni miti riguardo al consumo delle proteine per veicolare un’informazione corretta.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Egg Pro 100% 800gVegan Pro 2,1KgAnabol Protein 1kg

Le diete ricche di proteine fanno ingrassare?

Non c’è dubbio che l’ingestione di troppe proteine determinerà un aumento di peso ma questo accade consumando calorie in eccesso derivanti anche dai carboidrati oppure dai grassi. Ovviamente se introduciamo più calorie rispetto a quelle spese il grasso e il peso tenderanno ad aumentare: non sono quindi le proteine che determinano un aumento di peso indesiderato ma un eccesso nel consumo delle calorie.

Questo significa che non importa essenzialmente cosa mangerai perché in ogni caso se ne mangi troppo il corpo tenderà ad accumulare adipe. In realtà un pasto che contiene solo proteine e rispetto a un piatto di soli carboidrati o solo i grassi determinerebbe tra i 3 il minore incremento di peso perché le proteine forniscono calorie che vengono bruciate nei processi digestivi generando il migliore effetto termodinamico.

Le proteine infatti ossidano circa il 25% del loro apporto calorico durante l’assimiltazione; per quanto riguarda i carboidrati solo il 15% viene consumato durante la digestione mentre per i grassi questo effetto termodinamico praticamente non esiste. Inoltre al contrario dei carboidrati le proteine non generano una elevata risposta insulinica: l’insulina è l’ormone che favorisce l’accumulo adiposo e che ha come compito la modulazione / abbassamento della glicemia ma anche il trasporto dei grassi nelle cellule.

A seconda di quanti e quali carboidrati consumiamo i livelli di insulina possono variare aumentando la possibilità di accumulare adipe: questo rischio ovviamente diventa decisamente più trascurabile se parliamo di proteine il cui consumo tende invece ad aumentare la presenza di un altro ormone, il glucagone, che ha effetti opposti rispetto l’insulina. Siccome il glucagone segnala al corpo di bruciare grassi per produrre energia è più facile che le proteine aiutino a perdere peso piuttosto che aumentarlo.

Le proteine danneggiano i reni?

Un’altra credenza alimentare che vogliamo sfatare riguarda l’affermazione secondo la quale una dieta iperproteica possa danneggiare i reni. Consideriamo che il metabolismo di questo nutriente avviene attraverso complessi processi di assimilazione durante i quali le proteine vengono suddivise in aminoacidi semplici liberando l’ammoniaca, una sostanza tossica che viene rapidamente trasformata in urea, un composto relativamente non tossico. L’urea viene poi trasportata ai reni per l’eliminazione e quindi in linea di principio, una maggiore produzione di urea potrebbe sovraccaricare i reni ostacolandoli nelle loro funzioni vitali. Queste conclusioni sono state confermate dalla scienza su persone che soffrivano di patologie a questi organi ma non esistono evidenze che una dieta ricca di proteine abbia un qualsiasi impatto negativo su persone con normale funzionalità dei propri reni dato che reni sani sono prontamente capaci di eliminare questi eccessi attraverso l’urina.

Nell’ultimo secolo abbiamo l’esempio di tantissimi atleti che hanno consumato tante proteine senza avere conseguenze in tal senso e quindi se una dieta ricca di questo nutriente dovesse generare problemi renali su persone sane, gli atleti di un tempo dovrebbero essere tutti in dialisi. Tuttavia in persone sane, è bene ribadirlo, non sono state mai pubblicate documentazioni scientifiche che abbiano evidenziato anormalità renali in seguito all’aumento dell’assunzione di proteine.

D’altra parte i migliori esperti di nutrizione ricordano sempre che una dieta ricca di proteine va accompagnata da una grande quantità di liquidi ingeriti che aiutano a depurare l’organismo e facilitare proprio l’espulsione dell’urea. Si raccomanda quindi in questi casi di idratarsi con almeno due o tre litri di acqua al giorno, bevendo frequentemente piccoli sorsi senza mai rimanere con la sete.