Prodotti per stimolare il testosterone

- Scritto da in Integratori Salute

Il testosterone rientra nella categoria degli ormoni steroidei ed ha una struttura chimica che deriva dal colesterolo. Tale ormone viene prodotto soprattutto nelle gonadi maschili per l’80% e nel surrene per il restante 20%. Per quanto riguarda le donne il testosterone viene sintetizzato nelle ovaie e nel surrene ma la maggior parte finisce con l’essere trasformata in estrogeni.

Le funzioni del testosterone nell’uomo sono numerose, a partire dalla determinazione delle caratteristiche sessuali secondarie, come la voce, la barba, la massa muscolare e la crescita pilifera, ed è anche coinvolto nello sviluppo dei genitali, nelle fasi dell’erezione, nella produzione del seme e nella conservazione del desiderio sessuale.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Blue Vigor 90cpsTribulus Maximus 90cpsTested Anti-Estro 120cps

Testosterone: tutte le funzioni di questo ormone

Il testosterone è attivo anche in altri ambiti, dalla corretta produzione dei globuli rossi fino al tono dell’umore e l’aggressività, ulteriori funzioni cerebrali correlate ad esempio alla memoria a breve termine e alla conservazione nel tempo di livelli più elevati di concentrazione.

Inoltre il testosterone è coinvolto anche nella produzione e nella regolazione del calcio, del fosforo e della vitamina D3, nella prevenzione dell’osteoporosi, deglii sbalzi di pressione, aiuta a mantenere stabile la glicemia ed evitare o contenere crisi depressive. Il corpo produce testosterone per tutta la vita ma già a partire dai quarant’anni si può assistere a una diminuzione pari all’1% circa ogni anno. Accade spesso che dai 50 e soprattutto dai sessant’anni di età si manifestino sintomi di carenza importanti fino a un vero proprio stato di ipogonadismo che comporta livelli al di sotto della soglia di questo ormone.

Le conseguenze si avvertono in primo luogo sulla sfera sessuale, con alterazione della funzionalità erettile, calo della libido e mancanza di energia più o meno costante, in concomitanza talvolta anche a livelli di anemia elevati. I livelli di testosterone possono essere monitorati attraverso ritmi giornalieri in funzione dell’età, considerando che la quota di testosterone libero ossia biodisponibile risulta fondamentale nella determinazione dei benefici descritti.

Il testosterone corre nel sangue in forma libera dall’1 al 4% mentre la maggior parte è legata alla proteina denominata albumina per il 38% e per il 60% ad una proteina degli ormoni sessuali. Se dal punto di vista clinico per alcuni casi è prevista una vera e propria supplementazione di testosterone, in generale si ritiene che uno stile di vita più appropriato che preveda un’alimentazione idonea e l’utilizzo di integratori specifici possa aiutare a mantenere un valore di testosterone fisiologico superiore. Anche l’attività fisica risulta fondamentale così come una corretta idratazione.

Tribulus e fieno greco: due interessanti testo boosters naturali

Per quanto riguarda le sostanze naturali capaci di migliorare i livelli di testosterone, menzioniamo in primo luogo il Tribulus terrestris: questa sostanza aumenta un metabolita anabolizzante, e di conseguenza il desiderio, il volume e la qualità degli spermatozoi. Questi effetti sono particolarmente visibili su pazienti affetti da una inferiore funzionalità ormonale mentre risultano minori in pazienti sani. Il dosaggio suggerito può variare dai 700 ai 1200 mg al giorno da suddividere in più somministrazioni di cui almeno una andrebbe riservata alla fase precedente l’addormentamento.

Anche il fieno greco è ritenuto uno stimolatore naturale del testosterone e la sua capacità di incrementare l’accumulo di proteine muscolari lo rende un integratore particolarmente amato anche in ambito sportivo, aiutando altresì a migliorare le riserve di glicogeno dopo l’attività sportiva più intensa. Assunto da solo, il dosaggio è di 500 mg due volte al giorno.