Proteine nella pratica sportiva e barrette proteiche

- Scritto da in Integratori Salute Sport
proteine eamminoacidi

È noto come nella pratica sportiva, il fabbisogno giornaliero di proteine aumenti e per quanto riguarda un atleta che si dedica all’agonismo esso può raggiungere e superare anche i 2 grammi per ogni chilo di peso. Questa quota consente un recupero muscolare efficiente e il corretto approvvigionamento di energia per contribuire a una ottimale prestazione atletica.

La razione quotidiana andrebbe distribuita nell’arco delle ventiquattr’ore per ottimizzare le varie richieste biologiche. In particolare l’assunzione di proteine contenenti aminoacidi ramificati risulta importante prima dell’attività fisica in maniera da contrastare il catabolismo e sostenere l’energia mentre il giusto abbinamento tra carboidrati e proteine rileva soprattutto nella fase del post-workout per consentire il migliore recupero possibile. Per quanto riguarda il risvolto della medaglia ossia un’eccessiva introduzione di proteine nel corpo questa può essere causa di un affaticamento sia epatico sia a livello renale e determinare pericolosi effetti cronici per la salute.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

ProMeal 50% Bar 60grPlatinum Bar 50gGO Protein Bar 40g

Il ruolo delle proteine e le barrette proteiche

Le barrette proteiche si caratterizzano per particolari proprietà nutrizionali e grazie al loro elevato potere calorico risultano particolarmente indicate dopo l’attività fisica: all’interno di un unico prodotto troviamo infatti proteine ma anche carboidrati che facilitano il recupero e il ripristino del glicogeno muscolare, stimolando la sintesi di nuove proteine che aiutano a ricostruire le fibre lese durante il workout.

Per quanto riguarda i possibili effetti collaterali, le barrette proteiche sono integratori completi dal punto di vista nutrizionale ma non vanno mai intesi come sostituti di una dieta equilibrata e varia: utilizzare in maniera indiscriminata questi prodotti potrebbe danneggiare la salute sia dell’atleta che del consumatore sedentario, generando problemi nell’immediato a livello di crampi e problemi digestivi ma anche innescando processi cronici come sovrappeso e patologie correlate.

Come scegliere la migliore barretta energetica

Il fabbisogno di ogni atleta è diverso in termini di quota proteica, considerando che molto probabilmente l’individuo già sta assumendo altri integratori e sta seguendo una dieta calibrata sui suoi obiettivi. Nelle etichette nutrizionali di ogni barretta si trova l’esatta indicazione della quota proteica contenuta e di tutti gli altri nutrienti, che sono da bilanciare e compensare con integratori e alimenti che vengono ingeriti il resto della giornata.

Nella composizione di una perfetta barretta energetica proteica troviamo le proteine, i carboidrati e anche la vitamina B6 che aiuta a ripristinare le riserve mentre l’apporto di destrosio e acidi grassi a media e corta catena garantisce un’energia velocemente disponibile, da sfruttare sia nella fase del pre allenamento che dopo il workout nella cosiddetta finestra anabolica.

Il ruolo biologico delle proteine

Le proteine sono coinvolte in diversi processi, che caratterizzano tante funzioni biologiche del nostro corpo:

  • le proteine sopperiscono per circa il 15% alle necessità energetiche dello sportivo ogni giorno sia attraverso l’ossidazione degli aminoacidi in via diretta sia attraverso la mediata produzione di glucosio;
  • esse sono coinvolte anche nei processi plastici ricostruttivi, soprattutto per quanto riguarda il tessuto muscolare e la struttura tridimensionale dei tessuti che lo caratterizzano;
  • le proteine partecipano anche a meccanismi di difesa immunitaria perché alcuni aminoacidi come ad esempio l’arginina oppure la glutammina vengono utilizzate dalle cellule per replicare le molecole protagoniste del sistema immunitario stesso;
  • infine le proteine sono coinvolte anche in qualità di meccanismi trasportatori di nutrienti come molecole segnaletiche ed ormoni.

Considerando tutte le attività in cui sono parte attiva, una dieta che apportasse poche proteine genererebbe eventi negativi sia dal punto di vista energetico che di riparazione e accrescimento delle strutture dei muscoli.