Benessere e attività fisica: anche i medici la prescrivono

- Scritto da in Alimentazione Notizie e Novità Salute

Lo stress quotidiano insieme ad un’alimentazione sregolata e ipercalorica e alla sedentarietà hanno portato all’aumento di quella categoria di malattie che viene definita sotto il termine di sindrome metabolica. I media dedicano costantemente spazio agli eventi tragici che coinvolgono ormai una fetta trasversale della popolazione sensibilizzando l’opinione pubblica verso patologie legate al cuore e caratterizzate da un insieme di fattori di rischio che aumentano la possibilità di ictus, diabete e malattie cardiache.

A livello clinico la sindrome metabolica viene riconosciuta in presenza di più fattori come l’eccesso di grasso addominale – calcolato tramite una proporzione del giro vita e del giro fianchi – bassi livelli di colesterolo buono, alti livelli di glicemia, pressione arteriosa e trigliceridi.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Multivit 120cpsEvovite 60tabAnimal Omega 30packs

Il ruolo dell’attività fisica: il fitness metabolico per migliorare la salute

Ormai la scienza ci ha dimostrato che la strada migliore sia per la prevenzione che per la cura della sindrome metabolica è rappresentata dall’attività fisica che svolge un ruolo fondamentale nelle malattie croniche e degenerative.

Si tratta proprio di un nuovo atteggiamento da parte dei medici quello di prescrivere attività fisica per migliorare l’efficienza cardiorespiratoria così come la composizione corporea e altre qualità fisiche come la forza, alla base di una vita in salute. D’altra parte l’attività fisica esplica importanti benefici a livello organico anche quando l’allenamento non viene variato nel corso del tempo: l’importante insomma è muoversi!

Tra i vantaggi indotti da una regolare pratica di attività fisica possiamo sicuramente descrivere l’aumento del consumo di ossigeno grazie all’adattamento progressivo degli organi, valori di frequenza cardiaca e di pressioni inferiori in corrispondenza a sforzi al di sotto del massimale, aumento della densità dei capillari nei muscoli, aumento del volume di attività fisica prima della comparsa di segni di stanchezza e debolezza e così via.

Tutti i vantaggi del fitness metabolico

Grazie alla pratica sportiva si possono ridurre i valori di pressione a riposo, migliorare i livelli delle lipoproteine, ridurre i trigliceridi, diminuire i grassi anche dal punto di vista tissutale migliorando la composizione corporea, gestire al meglio l’insulina e il glucosio. Grazie all’attività fisica si esplica quindi sia una prevenzione primaria sia secondaria diminuendo l’incidenza di mortalità per cause legate a problemi cardiovascolari e intervenendo dopo una disfunzione per prevenirne una successiva correlata.

L’attività fisica dal punto di vista clinico è uno strumento importante per diminuire gli stati di ansia e depressione, migliorare la qualità delle attività svolte durante la giornata – compreso il lavoro -, aumentare il senso generale di benessere, diminuire il grasso corporeo, avere muscoli più grandi e forti, incrementare il punto di rottura di ossa, legamenti e tendini rendendoli quindi più resistenti agli infortuni.

Non tutte le patologie consentono di svolgere un’attività fisica intensa e costante tuttavia sarà proprio il medico con il suo ruolo e la sua professionalità a fissare i limiti del protocollo della attività fisica più adatto ad ogni singolo paziente.
Tale protocollo sarà poi messo in atto e trasferito all’utente grazie alla persona dell’istruttore che si occuperà di gestire l’attività dal punto di vista pratico stabilendo una comunicazione diretta con lo specialista e adattando a seconda dei progressi e dei risultati gli esercizi alle attuali condizioni del soggetto, in un percorso caratterizzato da una determinata e calibrata durata, frequenza e capacità di progressione nel tempo.