Scopri gli aminoacidi essenziali e perchè utilizzarli

- Scritto da in Integratori
aminoacidi essenziali e sport

Gli aminoacidi sono piccole molecole organiche che unendosi tramite legami peptidici formano le proteine: essi sono classificati in essenziali, non essenziali e semi-essenziali. Gli aminoacidi essenziali sono quelli che l’uomo non può sintetizzare da solo nelle quantità necessarie: vanno introdotti quindi con l’alimentazione (e/o eventualmente gli integratori).

I non essenziali sono quelli cui il nostro corpo è capace di coprire autonomamente il fabbisogno: questa categoria comprende anche i condizionatamente essenziali, cioè quelli non essenziali che vengono prodotti solo in specifiche situazioni fisiologiche. I semi-essenziali invece sono aminoacidi che l’organismo può sintetizzare in autonomia a patto che siano presenti quantità maggiori di aminoacidi essenziali rispetto al fabbisogno standard.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

AminoMax 8000 325cprBcaa Kyowa 200cprBcaa Force 8:1:1 200cps

Aminoacidi essenziali: a cosa ci servono?

Elenchiamo a questo punto gli aminoacidi essenziali e analizziamoli singolarmente: istidina, leucina, isoleucina, lisina, metionina, triptofano, treonina, valina, fenilalania.

Istidina – è un aminoacido precursore dell’istamina ed è importante per contrastare allergie e infiammazioni. È utilizzato a livello clinico per trattare l’artrite reumatoide e l’anemia. Nell’ambito sportivo è utilizzato poichè agisce a favore della vasodilatazione e dell’aumento della resistenza.

Leucina – la leucina è fondamentale per l’innesco della sintesi di nuove proteine e per evitare il catabolismo muscolare, che si verifica durante i workout più intensi e negli sport cosiddetti di durata. Anche i bodybuilder utilizzano questo aminoacido, in particolare per sostenere l’aumento della massa muscolare.

Isoleucina – questo aminoacido è detto chetogenico poichè in carenza di glucosio (di solito come conseguenza di una intensa attività sportiva) viene convertito in chetone per essere subito sfruttato come substrato energeiico. L’isoleucina viene somministrata per indurre il pancreas a secernere più insulina ed è quindi un trattamento naturale per chi soffre di diabete I ma anche per gli sportivi che hanno più bisogno di immagazzinare glicogeno e aminoacidi a livello muscolare. Essa inoltre facilita il metabolismo proteico a livello epatico.

Lisina – la lisina ha molteplici proprietà: è precursore della carnitina e della vitamina B3, interviene nella secrezione dell’ormone della crescita GH, fissa il calcio nelle ossa e migliora il recupero post-workout. Alcune recenti indagini stanno studiando le proprietà antiaging di questo aminoacido, in sinergia con ornitina ed arginina, mentre sono già ampiamente documentate le sue proprietà di contrasto alla caduta e al diradamento dei capelli. La lisina interviene anche sostenendo la formazione degli anticorpi nel sistema immnitario: una carenza di tale aminoacido può comportare anemia, calo di peso, scarso appetito e caduta dei capelli.

Metionina – questa sostanza è utilizzata nella sintesi della cisteina e della carnitina: migliora essenzialmente le capacità depurative del nostro organismo, favorendo l’espulsione del mercurio e di altri metalli dannosi. In medicina è utilizzata per la sua capacità lipolitica, dato che disgrega i grassi che si accumulano lungo le pareti arteriose.

Triptofano – il suo ruolo più importante è quello di partecipare alla secrezione di serotonina, un neurotrasmettitore che regola sonno, umore e appetito, migliora la concentrazione e la resistenza al dolore e alla fatica. Nello sport il triptofano è utilizzato in particolare nelle discipline di resistenza ma anche in quelli dove è necessaria grande precisione (come il tiro al bersaglio) poichè aumenta il focus mentale.

Treonina, valina e fenilalanina: indispensabili alla vita, utili nello sport

Treonina – fondamentale per il buon funzionamento di fegato e reni, la treonina è utilizzata per la sua capacità di rigenerare i tessuti e per mantenere la pelle tonica e giovane. Interviene nella formazione degli anticorpi e nello sport è largamente utilizzato per prevenire traumi a livello muscolare e tendineo. Una sua carenza può comportare severi disturbi metabolici e impossibilità a produrre a livello endogeno altri amminoacidi.

Valina – questo aminoacido invece si occupa della ricostruzione dei tessuti, anche muscolari ed è somministrato spesso presso chi pratica sport di lunga durata o elevata intensità poichè risulta immediatamente disponibile e nutre il muscolo praticamente in tempo reale dopo la somministrazione.

Fanilalanina – la fenilalanina interviene in tutti i processi metabolici ed è indispensabile alla nostra vita: nell’ambito alimentare e sportivo è utilizzata per controllare l’appetito. Essa inoltre partecipa alla produzione di alcuni neurotrasmettitori come la dopamina, che regola il sonno, l’umore e il battito cardiaco.