Roma, pubblicità sexy: ecco come si invoglia il cittadino a entrare in un ferramenta

- Scritto da in Notizie e Novità

“L’occhio vuole sempre la sua parte” (o vuole anche le parti degli altri). Visto e considerato, come abbiamo già detto più volte, che viviamo in una società dove regna indomata la “virtù ” dell’apparenza, risulta scontato che, per pubblicizzare un determinato prodotto, per girare un video commerciale, per catalizzare l’attenzione su una copertina, per invogliare le persone a emulare l’esempio di turno, se si sceglie di servirsi dell’immagine di una donna che sia bella, attraente, fisicamente prestante, e che riesca ad attirare l’attenzione del sesso maschile, tanto di cappello. E se la pubblicità italiana dello yogurt Activia ha pensato bene di convertirsi (abbandonando Alessia Marcuzzi) alla sexy reginetta colombiana Shakira, perché non può farlo anche un semplice negozio di “ferramenta” cittadino?

10407906_10204093451045207_8946917074808044778_nPasseggiando per le strade di Roma (quartiere Magliana) si trova anche questo: un cartellone pubblicitario molto invitante, specialmente per i maschietti che sono soliti comprare gli attrezzi dal ferramenta. Nel manifesto, a grandezza quasi naturale, è ritratta una bellissima ragazza dai colori mediterranei, lo sguardo intenso… e delle curve al cardiopalma. La giovane, in reggiseno nero, pancia scoperta e short di jeans, sovrapposta da un depliant che conserva “la forma” del suo corpo, tiene legati alla cintura, a mo’ di pistola nei film western, degli utensili da lavoro. Ma la cosa che più farà ridere, o scioccherà qualche femminista convinta, è la scritta in maiuscolo sotto l’aitante fanciulla: “WOW CHE ATTREZZO“, giusto per rimanere in tema. Che sia giusto o sbagliato invogliare così tanto i passanti a varcare la soglia del negozio, poco ci importa. Quello che è certo è che un messaggio pubblicitario del genere non può che far scattare, nella testa di un uomo, la lampadina della passione: “E se dentro, alla cassa, trovassi proprio lei? Beh, tentar non cuoce… io entro”. Ecco un sano rimedio per aumentare gli scontrini fiscali.

E.T.