Raggiungere il tuo peso forma, tutto quello che devi sapere

- Scritto da in Dimagrimento Salute
allenare addominali esercizi

Il peso forma è in primo luogo una questione di salute e corrisponde alla situazione più piacevole di benessere psico-fisico e vitalità, anche in merito alle tipiche patologie correlate al peso stesso. Tra queste ad esempio si annoverano l’ipertensione, il diabete II, l’aterosclerosi per quanto riguarda il peso eccessivo, ma anche l’eccessiva magrezza è legata alla manifestazione di malattie.

Su internet è facile reperire varie formule matematiche che riportano il peso forma basandosi su sesso, età e altezza, ma ricordiamoci che si tratta di un peso ideale e teorico e che è consigliabile sempre farsi consigliare da un esperto nutrizionista o dietologo. Una volta che si conosce la propria misura di peso ideale, bisogna valutare quanto siamo distanti (per eccesso o per difetto) dall’obiettivo e prendere eventualmente le dovute misure in termini di dieta, allenamento, stile di vita.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

ABSteel Gel For MenPes Alphamine 252gH2O Xpell 120cps

Riportiamo ad esempio la formula di Lorentz per la determinazione del peso in Kg:

  • UOMO peso forma – altezza in cm – 100 – [(altezza -150)/4]
  • DONNA peso forma – altezza in cm – 100 – [(altezza -150)/2]

Un uomo di 180 cm avrà un peso ideale di kg 72.5 mentre una donna di 165 cm avrà un peso ideale di kg 57.5.

Bilancio calorico e regolazione del peso

Il principio fondamentale per regolare il peso corporeo è il bilancio calorico ossia la differenza tra le calorie ingerite e quelle effettivamente consumate. La cosa importante da tenere sempre a mente è che questo bilancio deve essere negativo quando vogliamo perdere peso (quindi bruciamo più di quanto assimiliamo) e positivo quando invece abbiamo necessità di mettere su massa muscolare (e quindi ingeriamo più di quanto consumiamo).

Per regolare tale principio si interviene a tavola ma anche con l’attività fisica, per stabilire un giusto equilibrio tra l’energia introdotta con il cibo e quella bruciata con il movimento.

Peso forma e sport

Le tradizionali formule che correlano l’altezza l’età il sesso e il peso hanno rilevanza in campo medico ma in ambito sportivo è opportuno fare alcune precisazioni. Si consideri infatti che un atleta che pratica bodybuilding, lotta e sport analoghi avrà un peso forma decisamente superiore a quello che risulta dalle operazioni matematiche, mentre chi pratica sport quali ciclismo o maratona, sicuramente avrà dei valori standard più bassi.

In realtà non importa raggiungere con estrema precisione il peso esatto (alcuni sport dove conta il peso per rientrare in determinate categorie utilizzano fasce di chilogrammi consentiti): è invece più semplice avere come obiettivo un peso che possa variare di 1/2 kilogrammi, anche perchè queste piccole variazioni possono essere legate a disidratazione o ritenzione idrica e dalle scorte di glicogeno. Si comprende quindi come nella sfida al peso ideale non sia tanto difficile raggiungere una determinata misura, ma piuttosto mantenerla nel tempo.

Costituzione fisica e peso

A determinare il peso migliore contribuisce anche la propria conformazione fisica: chi ha ossa orbuste e pratica regolarmente sport di potenza, potrebbe risultare fuori forma secondo le formule altezza/peso per un eccesso di massa magra. Esistono in effetti diversi tipi di corporatura che si possono così schematizzare:

  • brevilinea, con ossatura pesante/grossa
  • normolinea, con ossatura media
  • longilinea, con ossa piccole/leggere

Per stabilire la propria categoria di appartenenza basta misurare la circonferenza del polso destro in centimetri con un metro da sarta, subito alla base della mano e confrontare la misura con il seguente specchietto:

  • Longilineo = uomo, + di 10.4 cm e donna + di 10.9 cm
  • Normolineo = uomo, 9.6/10.4 cm e donna 9.9/10.9 cm
  • Brevilineo = uomo, – di 9.6 cm e donna – di 9.9 cm

I brevilinei hanno un peso forma ideale superiore del 5% rispetto a quello delle formule peso/altezza, mentre i longilinei devono ridurlo del 5%.