Quali integratori usare dopo l’allenamento

- Scritto da in Domande Frequenti Integratori
i migliori integratori post allenamento

Al termine dell’allenamento, il metabolismo ha particolare necessità di ricevere macro e micronutrienti: a seguito dello sforzo fisico infatti vanno attivati tutti processi per il recupero muscolare, la ricostruzione plastica e il ripristino delle scorte di energia. La terminologia inglese post-workout indica proprio la fase successiva all’allenamento e tutta quella classe di integratori formulati per fornire ciò di cui il corpo ha bisogno in questo momento così delicato e importante sia nelle fasi di crescita che di dimagrimento.

La maggioranza di questi integratori è realizzata con blend calorici a base di zuccheri, proteine, lipidi e addizionata con vitamine, sali minerali e altre sostanze a supporto del recupero come ad esempio la creatina. Per scegliere il prodotto più adatto alle nostre necessità di crescita, mantenimento o definizione, è molto utile conoscere il ruolo delle singole formule, consentendoci di individuare più facilmente l’integratore adatto ad ogni post-workout.

Intgratori dopo l’allenamento: come scegliere quelli più adatti

Avrai sicuramente sentito parlare di finestra anabolica, un concetto molto rilevante per ogni sportivo dato che corrisponde a quella fase che segue l’allenamento e che dura circa diverse ore, all’interno della quale è importante integrare sia nutrienti a rilascio veloce, sia a rilascio graduale. Al termine dell’attività fisica infatti il corpo ha bisogno fondamentalmente di cinque tipi di sostanze per ottenere il massimo risultato, vediamole brevemente.

Gli zuccheri o carboidrati, provocano la spinta insulinica e consentono sia di rigenerare le scorte di glicogeno a livello muscolare sia di favorire l’ingresso di tutti gli altri nutrienti all’interno delle cellule. L’insulina è una molecola con proprietà molto particolari ma esistono principi attivi con un’attività molto simile che vengono spesso utilizzati all’interno degli integratori come l’AKG e la taurina.

Carboidrati, proteine e non solo: cosa deve contenere un buon integratore dopo l’allenamento

Le proteine rappresentano per ogni sportivo sinonimo di crescita muscolare e grazie agli aminoacidi innescano la sintesi proteica e la secrezione di tutti gli ormoni deputati alla crescita. Le proteine hanno anche una funzione anticatabolica che si oppone cioè alla disgregazione dei tessuti e grazie ai BCAA ramificati, specialmente quelli a maggior contenuto di leucina, la crescita e il recupero muscolare risultano ottimizzati.

È importante inoltre ricordare anche il ruolo delle vitamine e dei minerali che consentono tutte le reazioni chimiche e limitano la presenza di radicali liberi che provocano un precoce invecchiamento delle nostre cellule.

Indice glicemico e biodisponibilità: come scegliere l’integratore dopo l’allenamento

Per quanto riguarda i carboidrati, è utile assumere due fonti diverse di cui una a elevato indice glicemico e una a medio indice glicemico. Lo scopo di questa scelta è fare in modo che i carboidrati sostengano con le giuste tempistiche sia il recupero del glicogeno che la presenza di insulina, indispensabile come abbiamo già accennato a spingere nutrienti dentro le cellule e sostenere l’aumento della massa incrementando i livelli di IGF-1. Scegliendo quindi queste due fonti, i livelli di insulina rimarranno costanti nel tempo.

Le proteine invece vanno scelte a immediato rilascio, una qualità propria ad esempio delle proteine del siero di latte idrolizzate che risultano ad elevata biodisponibilità e vengono digerite facilmente favorendo a loro volta la secrezione insulinica.