Ornitina: meno fatica, più GH

- Scritto da in Culturismo Integratori Notizie e Novità
ornitina massa e resistenza

Ornitina è una sostanza che il nostro corpo produce naturalmente a partire dall’arginina, durante il ciclo dell’urea. Questo processo si realizza tra il citoplasma e i mitocondri delle cellule del fegato e diventa più intenso in occasione di digiuno o in concomitanza a diete iper proteiche, situazioni nelle quali l’ossidazione degli aminoacidi diventa una priorità punto di vista energetico.

Rientrando nel ciclo dell’urea, questa molecola è importante per l’eliminazione dell’ammoniaca, una sostanza che quando viene accumulata in maniera eccessiva può compromettere la salute.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Ornitina OKG 60cpsOrnitina 100cpsOrnitina OKG 50cps

Ornitina in ambito clinico e sportivo

L’integratore di ornitina è utilizzato per le sue numerose proprietà: dal punto di vista clinico è un importante anticatabolico prescritto spesso in caso di ustioni, traumi, interventi chirurgici così come in tutti i casi in cui i processi di sintesi proteica risultano inibiti. Inoltre migliora la salute intestinale contribuendo alla produzione di poli-ammine protettive.

Dal punto di vista sportivo ci sono diversi risvolti interessanti inerenti all’ornitina: in primo luogo si tratta di un importante supplemento contro la fatica. Anche la scienza ha dimostrato che in soli 8 giorni di integrazione si riduce il senso di fatica in soggetti sani sottoposti ad esercizio intenso, effetto probabilmente legato alla migliore espulsione di ammoniaca. Il dosaggio utilizzato in queste ricerche è stato pari a 2 g al giorno per i primi sette giorni e di 6 g l’ottavo giorno.

Inoltre, trattandosi di un precursore dell’arginina, questo integratore riesce a migliorare la secrezione dell’ossido nitrico, con conseguenti benefici dal punto di vista vascolare e per quanto riguarda la muscolatura, che risulta più nutrita, ossigenata e maggiormente volumizzata.

Ornitina e arginina: azione congiunta per lo sportivo

Per quanto riguarda la sinergia con l’arginina, molti integratori contengono entrambi questi ingredienti che insieme hanno dimostrato di incidere sul miglioramento del recupero muscolare, su una maggiore ipertrofia, sull’efficacia del sistema immunitario e sul rinnovo cellulare dei tessuti. Inoltre l’assunzione congiunta di ornitina e arginina migliora il recupero post workout. Si consiglia di assumerle insieme prima di andare a dormire, in maniera da approfittare del picco ormonale notturno dell’ormone della crescita GH.

Ornitina: stimolatore ormonale e dosaggi

Anche se non tutte le ricerche scientifiche concordano sulla misura dell’efficacia, l’ornitina appare in grado di stimolare la secrezione degli ormoni GH e IGF-1 dopo un allenamento intenso.

Per quanto riguarda la modalità d’uso di questi integratori, la letteratura propone due dosaggi specifici per l’ambito sportivo e quello clinico. In medicina, l’applicazione dell’integratore segue dosaggi più elevati, per contrastare situazioni di urgenza: oltre i 10 15 g giornalieri, si verificano più facilmente effetti collaterali a carico del sistema gastrointestinale.

In ambito sportivo, il dosaggio più efficace corrisponde a 2 g giornalieri quando si si allena e 6 g nel giorno della gara. Non esistono al momento protocolli di assunzione universali e ogni individuo deve sperimentare su di sè l’efficacia dell’ornitina. I soggetti ipersensibili al principio attivo non devono assumere questo integratore, così come pazienti affetti da rari disordini genetici ed in stato di gravidanza o allattamento. Si tratta comunque in generale di un prodotto sicuro e ben tollerato: non sono note interazioni con farmaci degne di nota.