Migliori integratori proteici: whey peptidiche, idrolizzato di manzo e isolato di soia

- Scritto da in Integratori

Tra i migliori integratori proteici si considerano innanzitutto le whey peptidiche: quando si sente parlare di whey protein si intende riferirsi alle proteine del siero di latte, un blend realizzato lavorando il latticello (il siero) a partire dal formaggio che contiene diversi tipi di proteine:

  • 65% di beta latto globluine
  • 25% di alfa latto albumine
  • 8% siero albumine
  • immunoglobuline per la frazione restante.

Migliori integratori proteici: le whey protein

Il siero di latte è molto ricco di queste proteine e il loro valore biologico è particolarmente elevato: spesso il siero è utilizzato nelle preparazioni industriali alimentari come nei prodotti da forno, ma soprattutto nell’ambito della integrazione alimentare. Rispetto ad altre fonti proteiche (quali uova, grano, caseine…) le whey hanno alcune caratteristiche distintive:

  • elevata presenza di BCAA
  • valore biologico superiore grazie alla nutrita presenza di aminoacidi essenziali
  • elevata digeribilità
  • soppressione del catabolismo proteico
  • miglior recupero post workout

E quindi consentono un effettivo:

  • sostegno alla sintesi proteica (grazie anche alle vitamine del gruppo B spesso aggiunte a questi supplementi)
  • sostegno alla gluconeogenesi, cioè la produzione di energia a partire dagli aminoacidi (fondamentale a digiuno e durante attività fisiche intense e prolungate)
  • incentivo alla crescita muscolare
  • miglioramento dei livelli di insulina (con diminuzione della glicemia dopo i pasti)

C’è poi da considerare che in questo specifico articolo, stiamo parlando delle whey protein idrolizzate, non si tratta cioè di vere e proprie proteine, ma di formulazioni peptidiche, che hanno una maggiore biodisponibilità, e possono essere riconosciute, a livello organolettico, dal retrogusto amaro che hanno, aspetto questo che dovrai imparare ad apprezzare se vuoi veramente assumere la migliore fonte proteica al mondo.

Migliori integratori proteici: idrolizzato di manzo

L’idrolizzato di manzo è un integratore di proteine molto ricco di frazioni peptidiche cui di solito vengono addizionate percentuali variabili di amminoacidi e creatina. Questo supplemento può essere usato al posto delle whey protein dopo l’allenamento per via della rapidità di rilascio, ed inoltre, a parità di dosi, sostiene in maniera più efficace l’aumento della massa e il mantenimento della tonicità muscolare. Dato che l’idrolizzato di manzo contiene grassi e zuccheri pari quasi a zero è spesso consigliato negli allenamenti di definizione ed è una scelta alternativa per gli intolleranti al lattosio. Quando si acquista un integratore di questo genere è opportuno verificare l’etichetta per capire se sono presenti gelatina e collagene, che aumentano il contenuto proteico ma al contempo lo rendono meno puro.

Migliori integratori proteici: isolato di soia

L’isolato di soia è un integratore sempre più diffuso poichè viene scelto sia dagli atleti che hanno optato per una alimentazione vegetale, sia dagli sportivi che vogliono limitare i potenziali effetti a lungo termine sulla salute derivati da una massiccia assunzione di proteine animali. Questo integratore proteico si realizza a partire dai fagioli di soia ed ha un profilo amminoacidico molto ricco di glutammina e arginina: tra tutte le fonti senza lattosio, la soia fornisce  il profilo di aminoacidi più simile a quello del siero di latte ed è inoltre preferito da chi è intollerante al lattosio. La soia contiene molte proteine, più di tanti tipi di carne, uova e pesci, e presenta anche altri micronutrienti essenziali quali calcio, potassio e ferro. È importante scegliere prodotti a base di soia non OGM. L’isolato di soia aumenta la sintesi proteica, migliora il recupero e sostiene l’ipertrofia: grazie alla presenza dell’arginina, migliora anche la vasodilatazione e quindi il recupero, ottimizzando la circolazione sanguigna, e può inoltre aumentare i livelli di ossido nitrico.