La dieta chetogenica: cos’è e come agisce sul corpo

- Scritto da in Alimentazione
dieta chetogenica, tra vantaggi e pericoli per la salute

La dieta chetogenica è un tipo di regime alimentare piuttosto in voga in questi ultimi anni, soprattutto nell’ambito delle palestre. In questo articolo cerchiamo di evidenziare tutti gli aspetti legati a tale scelta, vantaggi e svantaggi, comprendendo come incide a livello fisiologico sulle funzioni del nostro corpo.

Iniziamo quindi precisando che la chetogenica si fonda sul presupposto che una dieta basata su proteine e lipidi e povera invece di carboidrati, favorisca la stabilità dei livelli insulinici, eviti l’accumulo di grasso e contribuisca a smaltirlo a fini energetici. Quando il glucosio infatti scarseggia, il corpo reagisce per ricavare energia da substrati differenti, quali le proteine e i lipidi.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Anti Cortisol 90cpsTribulus 750mg 90cpsPes Alphamine 252g

Dieta chetogenica e gluconeogenesi

La gluconeogenesi è il processo attraverso cui si forma il glucosio a partire dagli amminoacidi: esso ha la funzione di fornire energia anche quando siamo in carenza di zuccheri, tuttavia reni e fegato sono sottoposti ad un lavoro extra per riuscire a smaltire l’azoto.

Se decidiamo di non assumere abbastanza carboidrati con la dieta per obbligare il metabolismo ad utilizzare le proteine, avviamo quindi un processo di intossicazione, obbligando ai lavori straordinari i nostri organi preposti al filtraggio (appunto fegato e reni). Questa attività comunque aumenta le calorie bruciate secondo il tipico effetto termogenico e stimola la produzione di ormoni e di metaboliti che inibiscono l’appetito e favoriscono lo smaltimento dei grassi. Questi fattori determinano l’efficacia dimagrante della dieta chetogenica.

Per fare un parallelismo anche gli steroidi anabolizzanti funzionano in maniera analoga e danno risultati visibili in poco tempo, tuttavia un utilizzo prolungato e indiscriminato può comportare gravi conseguenze sulla salute. Una via intermedia potrebbe essere una dieta moderatamente iperproteica ricca di carboidrati complessi e fibre, per conservare l’effetto dimagrante e limitare la tossicità.

Cosa sono i corpi chetonici

La dieta chetogenica apporta molti grassi e proteine e può condurre a condizioni patologiche di uremia e chetosi: la chetosi è l’aumento di concentrazione nel sangue dei corpi chetonici, cerchiamo di comprendere di cosa si tratta esattamente.

Il glucosio è necessario per la nostra sopravvivenza: il sistema nervoso centrale può utilizzare solo glucosio per svolgere le sue funzioni e ne richiede almeno 180 grammi al giorno. In condizioni di emergenza, quando il cervello non trova abbastanza glucosio, il corpo riconosce uno stato di “digiuno” e rimedia con i corpi chetonici per sopravvivere.

Ecco come si formano questi corpi chetonici

  • La lipolisi dipende dalla glicolisi, quindi la scomposizione degli acidi grassi per produrre energia dipende dalla scomposizione del glucosio per la stessa finalità.
  • Quando la glicolisi è rallentata anche la lipolisi risulta compromessa ed è in questo momento che i corpi chetonici si formano: durante il processo di degradazione degli acidi grassi viene prodotto più acetil CoA rispetto alla capacità di assorbimento poichè esso non può partecipare al ciclo di Krebs.
  • I corpi chetonici sono rappresentati da acetone, acetoacetato e 3-idrossilbutirrato e sono costituiti dalle due molecole di acetil CoA che non potendo chimicamente legarsi ad altro, si sono legate tra loro.

In uno stato di normalità il corpo produce piccole quantità di corpi chetonici che vengono smaltiti facilmente ma quando osserviamo una dieta chetogenica la loro espulsione è molto più difficoltosa: il pH del sangue si abbassa e si verifica l’acidosi metabolica, uno stato tipico del diabete non trattato che può precedere anche il coma nei casi più severi.
Se il soggetto è uno sportivo inoltre, aumentano le richieste energetiche e quindi l’ossidazione di glucosio.

La dieta chetogenica rappresenta una  forzatura metabolica: sul breve periodo può effettivamente comportare un visibile effetto dimagrante, ma può essere sin da subito insidiosa per la salute e sicuramente molto dannosa a lungo andare.