Intolleranza al lattosio: come prepararti uno shaker proteico completo

- Scritto da in Alimentazione Culturismo Domande Frequenti Ricette Sport

Se soffri di intolleranza al lattosio, sarai sicuramente uno dei consumatori più attenti alle etichette durante la scelta degli integratori essenziali, specialmente se pratichi sport come il culturismo. In commercio esistono numerose alternative, come le proteine vegetali e quelle dell’uovo, adatte a tutti coloro che per qualsiasi motivo vogliano evitare il latte e i derivati.

Se vuoi crearti uno shake proteico completo senza lattosio, puoi partire con il latte d’avena e un frutto, da unire a una fonte lipidica come il burro di arachidi (particolarmente energetico e caratterizzato da un ottimo sapore). Nel mixer potrai aggiungere altri ingredienti naturali e addizionare prodotti specifici a seconda delle tue necessità.

Intolleranza al lattosio: ricette per l’aumento della massa

Questa ricetta è particolarmente adatta se stai attraversando una fase di sviluppo muscolare:

  • 30 g di proteine vegetali o dell’uovo al gusto di vaniglia
  • 250 ml di latte d’avena (in commercio si trovano in diverse formule, dalle più semplici a base di acqua e avena fino a quelle che contengono anche dolcificanti e olio di girasole)
  • 40 g di more
  • 5 g di burro di arachidi

Per lo sviluppo della massa muscolare però non ti serviranno solo le proteine e ti consigliamo quindi di inserire nella tua routine di supplementazione anche i seguenti prodotti:

  • multi vitaminico con minerali essenziali, per sostenere il sistema immunitario e prevenire carenze
  • acidi grassi omega tre, che aiutano a regolare i livelli di colesterolo
  • aminoacidi ramificati, che migliorano  la qualità dell’allenamento, riducendo gli affaticamenti muscolari tipici del postworkout
  • glutammina, a sostegno della forza, della potenza, della capacità di recupero, per sostenere sia la crescita ipertrofica, sia la degradazione dei tessuti adiposi
  • vitamine del complesso B per fornire energia e assimilare al meglio tutti gli altri nutrienti.

Se vuoi inserire questi integratori del tuo blend proteico, fai attenzione all’accostamento di sapori perché alcuni prodotti, come spesso accade per gli aminoacidi ramificati non incapsulati, possono risultare amari e alterare il gusto del tuo milkshake proteico.

Quando assumere un blend proteico in caso di intolleranza al lattosio

A seconda del momento della giornata, potrai aggiungere al tuo frullato una dose di proteine a lento o veloce rilascio: al termine dell’attività fisica prediligi proteine a rilascio più rapido mentre prima di andare a dormire la sera sono più indicate quelle ad assorbimento lento, in maniera da compensare le ore di digiuno notturno.

Le proteine vegetali, a seconda della formulazione e della fonte di origine, si trovano in posizione intermedia tra le proteine del siero di latte e le caseine per quanto riguarda le tempistiche di rilascio nel sangue.

Integratori da assumere occasionalmente in caso di intolleranza al lattosio

Ci sono altri integratori che potrai tenere in considerazione per un’assunzione occasionale. Si tratta ad esempio dei prodotti termogenici che si utilizzano soprattutto nelle stagioni più calde per bruciare più grassi e ottenere maggiore energia da dedicare work out (d’inverno solitamente servono a chi segue un programma dimagrante).

Questo tipo di supplemento naturale aumenta la temperatura corporea determinando una accelerazione del metabolismo. Si consiglia di assumere i termogenici in cicli di durata massima pari a sei settimane in maniera da non affaticare troppo le ghiandole renali, che necessitano periodicamente di una pausa dall’assunzione.

Alcuni integratori in commercio sono identificati con la dicitura preworkout e fanno riferimento a tutte quelle formule studiate per la fase che precede l’allenamento; queste miscele sono studiate in maniera da fornire una migliore spinta energetica e la massima concentrazione. Tra i principi attivi più diffusi ricordiamo la creatina che aiuta a migliorare l’ipertrofia muscolare, a bruciare più grasso e ad aumentare l’energia disponibile, caratteristiche particolarmente apprezzabili durante una fase di aumento massa.