Integratori proteici migliori: sono quelli americani? Non sempre!

- Scritto da in Integratori

Gli integratori proteici migliori non si riconoscono solo dal marchio del produttore: per funzionare correttamente devono contenere gli ingredienti che servono per i nostri obiettivi ed essere assunti al momento giusto! Non sempre quindi l’integratore di proteine ideale è necessariamente americano. Vediamo come riconoscere gli integratori proteici migliori ed utilizzarli nel migliore dei modi.

Integratori proteici migliori per aumentare la massa muscolare

Lo scopo primario di un integratore proteico è l’aumento della massa muscolare o, se utilizzato in dieta per dimagrire, mantenerla: il dosaggio di proteine secondo la letteratura scientifica sportiva è di 1.5/2 grammi netti per ogni chilo di peso corporeo, quindi un atleta di 80 Kg avrebbe bisogno di circa 120/160 grammi di proteine quotidianamente. Chi pratica attività fisica con lo scopo di aumentare la propria massa muscolare ha bisogno di più proteine per far fronte al turnover proteico che avviene con l’intenso allenamento e sostenere l’azione anabolico ormonale.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Supreme Isolate 2kg100% beef Muscle 3,18kgSoy Protein 900g

Generalmente le proteine di accrescimento sono assunte con la normale dieta, ma aumentare ulteriormente il consumo di carne e quindi derivati animali pone la salute in serio rischio, soprattutto sul lungo periodo, a causa degli elementi indesiderati che questa tipologia di cibo contiene, vedi colesterolo e tossine varie. L’utilizzo di supplementi alimentari quindi non solo semplifica il dosaggio e la somministrazione di proteine, ma diventa anche più salutare poichè evita un ulteriore ricorso a proteine di origine animale (considerando anche la qualità della carne e l’alimentazione che l’animale ha dovuto seguire in vita). A questo proposito è opportuno introdurre una prima differenziazione tra integratori proteici, quelli di origine animale e quelli provenienti da fonti vegetali: questi ultimi sono adatti a chi segue una alimentazione vegana o vegetariana ma anche a chi soffre di intolleranze (ad esempio al lattosio).

Integratori proteici migliori: i vantaggi

Gli integratori di proteine

  • sono comodi da preparare, assumere e conservare
  • si digeriscono più facilmente
  • si può aumentare l’apporto proteico della propria dieta senza aumentare l’assunzione di grassi saturi e colesterolo
  • un blend di proteine assunte insieme ai carboidrati entro due ore dalla fine dell’attività fisica di forza, migliorano i valori insulinici e l’ormone GH della crescita, incrementando la sintesi proteica muscolare

Esistono come anticipato diverse famiglie di supplementi proteici:

  • le siero proteine – si ricavano dal siero del latte, hanno elevato potere energizzante e sono perfette nel post workout
  • le caseine – anche le caseine si producono dal latte ma sono meno digeribili ed energizzanti; sono ideali prima di coricarsi la sera e sono di solito le più economiche

Proteine del siero e caseine si ricavano dal latte ma sono diverse tra loro: le whey contengono aminoacidi essenziali, in particolare ramificati come valina, leucina e isoleucina: hanno proprietà energetiche e sono utilizzati per produrre glucosio. Le caseine forniscono anche aminoacidi non essenziali ma dispongono di meno ramificati liberi rispetto alle siero proteine e si digeriscono più lentamente.

  • le ovo-albumine – si ottengono dall’albume d’uovo e hanno anch’esse elevato potere energizzante e migliore digeribilità; si assumono di solito nel post allenamento
  • gli integratori vegetali proteici – sono prodotti a partire da canapa, soia, riso, piselli, chia; risultano maggiormente alcalinizzanti rispetto alle proteine di origine animale che sono invece molto più acidificanti. Le proteine vegetali sono più digeribili e danno minori rischi allergici ma devono essere assunte in blend per raggiungere lo stesso valore biologico di quelle animali;
  • il manzo isolato per idrolisi, altra valida alternativa di elevato valore biologico, che di solito viene assunta da chi non tollera il lattosio e non vuole spendere una fortuna per integratori whey completamente delattosati.

Integratori proteici migliori: a rilascio lento o veloce?

Tutti gli integratori proteici si trovano in commercio sotto forma di polvere oppure barrette o in forma liquida. Una caratteristica che però risulta particolarmente importante nella scelta è comprendere se si tratti di supplementi a lento rilascio oppure a veloce rilascio, perchè cambiano i risultati che si ottengono e i momenti migliori per l’assunzione. Gli integratori a lento rilascio, rilasciano amminoacidi per un periodo più lungo dall’assunzione e sono indicati ad esempio prima di andare a dormire, quando il corpo è sottoposto ad un digiuno prolungato di diverse ore. I supplementi a rapido rilascio invece liberano immediatamente amminoacidi e sono consigliate per la colazione o dopo l’allenamento, quando i muscoli hanno urgente bisogno di nutrimento. Dunque ricapitolando possiamo dire che questo tipo di integratore deve essere;

  • scelto in funzione dell’obbiettivo e del momento di utilizzo;
  • composto di soli nutrienti amminici non denaturati;
  • con un profilo amminoacidico completo;
  • non per forza americani.