Integratori per il sovrallenamento e altri rimedi

- Scritto da in Domande Frequenti Notizie e Novità Salute

Il sovrallenamento è una condizione di malessere generale riconoscibile da diversi sintomi che possono presentarsi singolarmente o insieme. Questa situazione riguarda essenzialmente gli sportivi ed in particolare chi pratica un’attività agonistica. L’origine del sovrallenamento può essere sia di natura mentale che fisica e porta in sintesi ad una sostanziale riduzione della performance atletica.

Il miglioramento delle prestazioni si ottiene allenandosi con costanza e l’intensità, aumentando gradualmente lo stimolo allenante. Il corpo e la mente riescono quindi a progredire ed adattarsi così come il corpo reagisce ad ogni stimolo esterno. Oltre l’allenamento però sono fondamentali anche la dieta e il riposo: quest’ultimo spesso viene trascurato.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Multi Force 120 cpsCreatine DNA 216 grCarnitina Liquida 473ml

Integratori per il sovrallenamento: cause principali

Se la forza e la resistenza come tutte le altre qualità motorie traggono giovamento dall’allenamento rigoroso e continuo, è altrettanto vero che senza osservare le giuste pause e i tempi di recupero ogni stimolo può risultare vano se non addirittura controproducente, fino a determinare una situazione di overtraining.

Nella maggior parte dei casi si tratta di una situazione reversibile ed è importante notare come spesso il sovrallenamento sia chiamato in causa impropriamente, nel senso che viene sfruttato come alibi per giustificare una perdita di prestazioni, quando invece il fenomeno dell’over training clinicamente descrivibile è piuttosto raro. La maggior parte degli sportivi comunque lo può manifestare in forma incompleta o lieve.

Prevenzione e scelta degli integratori per il sovrallenamento

Rimanere a lungo in una situazione di over training significa mettere a rischio non solo la propria prestazione fisica nell’immediato ma anche nel tempo futuro, specialmente aumentando i rischi a carico dei tendini, muscoli e articolazioni.

  • L’intervento migliore per scongiurare il verificarsi di tale fenomeno è sicuramente la prevenzione: seguire una dieta equilibrata, allenarsi osservando le giuste pause e utilizzando carichi adeguati sono sicuramente fattori fondamentali da tenere in considerazione.
  • È altresì importante imparare a riconoscere i sintomi che possono iniziare a manifestarsi singolarmente prima di formare un quadro complessivo più difficile da gestire: tra questi sintomi ricordiamo la tachicardia a riposo, una maggiore irritabilità e tendenza alla depressione, difficoltà a controllare le pulsazioni cardiache, riduzione dell’appetito e del peso, abbassamento delle difese immunitarie, dolori cronici.
  • Tra le cause principali si descrive sicuramente un allenamento non calibrato sulla propria individualità: è opportuno verificare periodicamente il proprio programma di allenamento aggiornando la scheda perché un allenamento troppo ripetitivo o troppo intenso possono sul medio periodo essere dannosi per la salute e per il raggiungimento dei propri obiettivi.
  • Lo scarso riposo e quindi la difficoltà a dormire un sonno di qualità possono essere sia causa che conseguenza del sovrallenamento e solitamente sono correlati a una vita stressante oppure l’assunzione di farmaci o altre sostanze che impediscono di trovare il giusto stato di rilassamento.

È quindi importante non trascurare alcun sintomo ed imparare ad ascoltare il proprio corpo in maniera da prendere subito le contromisure necessarie per riportare la situazione all’equilibrio, valutare il proprio piano di integrazione scegliendo prodotti specifici e senza assumere supplementi che non servono, cercare di ritagliarsi quotidianamente e settimanalmente del tempo per staccare dalla routine.

Per quanto riguarda i supplementi naturali suggeriti troviamo sicuramente i multivitaminici e multiminerali, gli acidi grassi omega tre, gli antiossidanti, i probiotici, l’acido ascorbico e la vitamina D. La creatina, gli aminoacidi, la carnitina possono essere particolarmente utili in caso di regime alimentare restrittivo mentre le maltodestrine e i ramificati possono essere un supplemento molto valido per chi pratica sport aerobici ad elevate intensità.