Integratori brucia grassi: dimagrisci con la termogenesi

- Scritto da in Integratori
termogenici per dimagrire subito

Gli integratori brucia grassi stimolano quel particolare processo corporeo detto termogenesi indotta: si tratta di aumentare dunque la quantità di calore generata all’interno dell’organismo, al fine di elevare il dispendio di calorie e dunque porre l’atleta verso un più facile raggiungimento del bilancio calorico negativo, requisito indispensabile da soddisfare per attivare la degradazione del tessuto adiposo. Tali supplementi alimentari sono spesso assunti da chi pratica attività fisica intensa proprio per ottenere migliorie dal punto di vista della definizione muscolare.

Integratori brucia grassi: come funzionano i termogenici

I termogenici, che letteralmente aumentano il calore del corpo, utilizzano la cosiddetta fosforilazione ossidativa, un insieme di processi dove vengono bruciate calorie ad un ritmo più accelerato per mantenere stabile la temperatura. Le sostanze termogeniche intervengono anche sul tessuto adiposo in maniera indiretta, migliorando contemporaneamente il metabolismo ma anche il sistema respiratorio, cardio circolatorio, e lasciando a disposizione del corpo una minore energia, che il corpo ricaverà, per sopperire la richiesta, dalle riserve lipidiche, utilizzandole come combustibile. Ecco quindi che questo genere di integratore è particolarmente popolare presso chi pratica il fitness, il body building e vuole ridurre il grasso corporeo.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Thermo Detonator 100cpsPes Alphamine 252gThermo-x 100cps

Se gli atleti completano il loro programma di allenamento con un termogenico per lavorare sul poco grasso rimasto, è altrettanto vero che il resto della popolazione può utilizzare gli integratori brucia grassi come trampolino di lancio per iniziare a perdere tessuto adiposo. Tuttavia bisogna utilizzare questi prodotti con attenzione, dato che accelerano l’attività cerebrale, il battito cardiaco e la respirazione. Inoltre è fondamentale sapere come l’organismo può abituarsi alla assunzione di un termogenico e per ottimizzarne l’efficacia è bene assumerlo in cicli (ad esempio 4 settimane + 6 settimane di pausa per ripulire l’organismo).

Integratori brucia grassi: quali sostanze?

I componenti con proprietà termogeniche sono numerosi in natura, troviamo ad esempio:

  • tutti i vegetali che contengono caffeina (come guaranà, cacao, caffè, erba mate, noce di cola)
  • arancia amara (spesso implementata nei prodotti per inibire l’appetito)
  • coleus forskohlii (una pianta della famiglia della menta molto utilizzata nelle discipline Ayurvediche)
  • the verde
  • caffè verde
  • vitamina B3
  • tarassaco in foglie
  • vitamina B5
  • fucoxantina (una molecola presente in alcuni vegetali come le alghe)
  • yohimbina

Gli ingredienti dei termogenici sono spesso mix delle sopra citate sostanze: la buccia dell’arancia amara ad esempio contiene sinefrina, capace secondo alcuni studi di indurre il dimagrimento e il senso di sazietà. Il coleus forskohlii ha un effetto anticatabolico insieme ad altri termogenici brucia grassi poichè interviene diminuendo la quantità di tessuti magri bruciata per la produzione energetica (utile quindi nell’ambito di una dieta ipocalorica).

Il the verde è invece ricco di polifenoli che aiutano a sfruttare l’adipe come carburante energetico ed inoltre aiuta ad aumentare i ritmi metabolici e diminuire il livello di colesterolo. Un altro derivato vegetale ricco di polifenoli è il caffè verde che contiene in particolare l’acido clorogenico, fondamentale per la conversione dei grassi in energia, per la sua funzione antiossidante e per il suo apporto di molecole acceleratrici del metabolismo.

Come ottimizzare l’efficacia degli integratori brucia grassi

Si può facilmente immaginare come l’efficacia di questi integratori sia enormemente potenziata nell’ambito di una regolare attività fisica e una dieta appropriata. Grazie ad un termogenico si può contrastare l’adipe in eccesso che può risultare pericoloso per la salute dal punto di vista dei livelli di colesterolo, pressione sanguigna elevata, rischio di diabete eccetera. Solitamente si sconsiglia di assumere diuretici o drenanti in concomitanza di un ciclo di termogenici poichè i muscoli si impoveriscono più in fretta di magnesio e potassio, causando maggiore disidratazione.

Allo stesso modo anche l’assunzione contemporanea di creatina può limitare i reciproci benefici poichè si crea una sorta di antagonismo tra caffeina/alcaloidi tipici di un termogenico, con relativo effetto diuretico e necessità di maggiore idratazione cellulare per assorbire al meglio la creatina.