Integratori alimentari per fighter: supplementi per sport da combattimento

- Scritto da in Boxe Integratori Notizie e Novità Sport

Fino a qualche anno fa non si teneva in grande considerazione l’importanza dell’alimentazione per quanto riguarda gli sport da combattimento e le arti marziali miste (MMA). Tuttavia in tempi recenti questa abitudine ha subito una forte inversione di tendenza, anche grazie alla sempre maggiore visibilità di questi sport e del business che ruota intorno.

Tale popolarità infatti ha destato anche l’interesse delle varie aziende che si dedicano alla supplementazione alimentare, con l’intento di dedicare delle formule specifiche agli atleti cosiddetti fighter.

Integratori alimentari: di cosa ha bisogno il fighter

Chi combatte ha bisogno di macro nutrienti ed elementi che lo portino ad una prestazione al massimo in termini di potenza, velocità, resistenza, considerando inoltre i frequenti e durissimi allenamenti che sono sia di carattere aerobico che anaerobico.

Se fino a pochi anni fa l’alimentazione era solo uno strumento per rientrare nella categoria di peso, oggi sia la dieta che l’integrazione alimentare svolgono un ruolo di reale supporto all’atleta: ecco allora che i supplementi non sono più considerati solo una prerogativa di chi va in palestra per praticare culturismo ma per tutte le discipline sportive.

Come quella di qualunque individuo, anche l’alimentazione di un fighter può avere delle lacune o comunque trovare beneficio da integratori specifici e questo corrisponde sicuramente a un miglioramento della performance e dei tempi di recupero, in maniera da potersi allenare con più frequenza intensità.

Premesso che il ruolo degli integratori è proprio quello di completare il proprio quadro nutrizionale, ecco una carrellata di prodotti che possono configurarsi come un importante strumento per chi pratica sport da combattimento.

Proteine, creatina, BCAA: gli integratori alimentari per fighters

La supplementazione di proteine non è semplicemente un mattone per la crescita muscolare e la costruzione delle fibre perché l’intensità dell’allenamento determina anche un dispendio calorico elevato, con un consumo di tantissimi carboidrati che possono intaccare le proteine muscolari a scopo energetico.

Se quindi la dieta non è ben sostenuta e non si assumono carboidrati liquidi durante il workout, il rischio di catabolismo delle proteine dei muscoli può determinare non solo un calo fisico ma anche della performance, compromettendo il recupero. Ecco allora che chi pratica questi sport utilizza sempre più di frequente shake di proteine, in maniera da non indebolire il proprio tessuto muscolare. Le proteine più consigliate sono quelle provenienti dal siero di latte ricavate a scambio ionico, un ottimo compromesso tra digeribilità e assorbimento, oppure quelle aromatizzate dell’uovo.

Gli aminoacidi ramificati sono perfetti non solo dal punto di vista plastico ma anche energetico e sono fondamentali nei periodi di restrizione calorica per rientrare nella categoria di peso. Il corpo che necessita quindi di più energia sfrutterà al massimo un supplemento di BCAA.

La glutammina è per il 50% l’aminoacido più presente nel tessuto della nostra muscolatura ma i suoi livelli calano notevolmente quando ci si allena con intensità, determinando un rallentamento del processo di recupero e adattamento muscolare. Ecco allora che questo supplemento si rivela importante nel post allenamento per fronteggiare il fenomeno catabolico e idratare le cellule, supportando la sintesi proteica.

La creatina è una sostanza assolutamente naturale molto utilizzata in ambito sportivo che consente di migliorare la spinta energetica, prolungando la durata dello sforzo. Si tratta di uno degli integratori più sicuri e studiati la cui efficacia è comprovata non solo dalla scienza ma anche dall’esperienza di milioni di sportivi in tutto il mondo.