Integratori alimentari, a cosa servono calcio e ferro

- Scritto da in Salute Sport
sali minerali integratore

Integratori alimentari, a cosa servono i minerali come calcio e ferro quando si pratica sport, compreso il body building? Abbiamo già trattato in altri articoli l’importanza dei multi vitaminici e dei multi minerali ai fini di un maggiore benessere e a garanzia che tutti i nutrienti e i micronutrienti essenziali siano presenti nel nostro organismo per espletare le funzioni biologiche, comprese quelle che interessano direttamente cultori del fisico, dall’aumento massa al miglioramento della fase di recupero. Approfondiamo quindi il ruolo del calcio e del ferro dal punto di vista maschile e femminile in ambito sportivo e non solo.

Integratori alimentari, a cosa servono i supplementi di calcio

Il ruolo principale del calcio è quello di costruire ossa e denti: si tratta di un minerale con effetti positivi nella prevenzione e nel contrasto di malattie degenerative delle ossa, come l’osteoporosi che conduce ad un assottigliamento dello scheletro (che può comportare, negli stati più avanzati anche pericolose fratture). Le ricerche effettuate su un campione di donne, il sesso più colpito dall’osteoporosi soprattutto dopo i quarant’anni, hanno mostrato che una integrazione di calcio di 1000 mg al giorno prima della menopausa e di 1500 mg dopo la menopausa, aiuta a contrastare la perdita di calcio che inizia verso i 35 anni (perdita che accelera ulteriormente quando termina il periodo di fertilità).

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Calcio Magnesio 100cpsCalcio Organico 102cpsFerro Organico 40cps

In particolare una quotidiana assunzione di calcio insieme ad una regolare attività sportiva è estremamente utile nella prevenzione di tali malattie. Per quanto riguarda gli uomini, il dosaggio ideale è di 800 mg al giorno mentre per i giovani fino ai 24 anni il dosaggio è di 1200 mg al dì.

Si consideri inoltre che apparte gli integratori specifici, questo minerale è presente in numerosi alimenti come i vegetali a foglia verde che ne garantiscono la massima biodisponibilità soprattutto se vengono assunti crudi. Il consiglio è quello di unire l’integrazione di calcio ad altri minerali come il magnesio, perché tale associazione rende il calcio utilizzabile in quota ancora maggiore dal nostro corpo

Integratori alimentari, a cosa servono i supplementi con il ferro

Per quanto riguarda il ferro, esso si lega alle proteine e al rame – che è presente in piccole tracce – al fine di produrre emoglobina, un componente che costituisce globuli rossi. Quando nel nostro corpo non è presente abbastanza emoglobina, i tessuti perdono ossigeno e avvertiamo prima il senso di fatica, la mancanza di fiato e il battito cardiaco più veloce.

Il ferro inoltre serve per la formazione della mioglobina, un componente tipico del tessuto muscolare che rende possibili le contrazioni. Il ferro si può distinguere in due categorie: quello ematico e quello non ematico.

  • il ferro ematico si ricava da alcuni alimenti animali, come carni bianche e rosse, pesce, interiora. Il fegato viene di solito consigliato alle persone che svolgono una regolare attività fisica e hanno un metabolismo elevato, in maniera da sostenere l’elevata presenza di grassi e colesterolo concentrati in questo prodotto di origine animale;
  • Il ferro non ematico si trova in fonti decisamente più assorbibili dal corpo umano, quali le foglie verdi e le granaglie integrali. Di solito il 5% del totale di questo ferro viene assorbito, mentre nel primo caso la assorbibilità risulta superiore, fino al 20%. Chi pratica sport non dovrebbe mai dimenticare di arricchire la propria alimentazione di fonti che apportino calcio, perché l’attività fisica svuota i depositi di questo minerale.

Inoltre è opportuno ricordare che sul lungo periodo una carenza di ferro può provocare anemia. Le donne, particolarmente quelle che seguono diete ipocaloriche e praticano molto sport o conducono comunque una vita particolarmente intensa, non dovrebbero mai dimenticarsi di integrare questa sostanza nella propria dieta, in un dosaggio pari a circa 15 mg al giorno.

Ad ogni modo, e questo vale sia per gli uomini che per le donne, se notate di affaticarvi con facilità nonostante una dieta per quanto possibile attenta e una regolare attività sportiva, fatevi prescrivere le analisi del sangue per valutare una eventuale carenza di ferro: in questo caso potrete ricorrere a integratori specifici per colmare tale carenza nutrizionale e tornare presto in piena forma