Integratore di lisina per chi pratica sport

- Scritto da in Integratori Notizie e Novità Salute
proteine eamminoacidi

La lisina è un aminoacido essenziale che il corpo utilizza per numerose funzioni biologiche: viene solitamente assunto attraverso la normale alimentazione, ma se questa non è particolarmente ricca di proteine si possono utilizzare anche integratori specifici.

Si può affermare che la lisina riesca a supportare la salute sotto molti punti di vista: in primo luogo migliora la produzione di collagene e la salute della cartilagine e dei tessuti, aumenta la densità ossea ed inoltre cura il mal di testa, l’osteoporosi e alcune patologie.

Integratore di lisina: salute articolare e sostegno alla massa

La lisina è fondamentale anche per quanto riguarda il sistema immunitario, poiché è alla base della formazione degli anticorpi, degli ormoni della crescita e degli enzimi. Come accennato, è determinante nella produzione di collagene che serve per creare nuovi tessuti connettivi, dalle ossa alla cartilagine, fino alla cute.

Integratore di lisina per recuperare velocemente da un infortunio

Una buona percentuale di lisina inoltre è importante per conservare e assorbire il calcio, che rafforza lo scheletro e migliora i casi di osteoporosi, evitando una perdita eccessiva di questo minerale attraverso le urine. Chi quindi soffre di osteoporosi, ed è soggetto quindi ad una diminuzione nella massa delle ossa, può trarre benefici consistenti dall’utilizzo di un integratore di lisina.

Diversi studi hanno inoltre correlato la lisina ad un migliore processo di guarigione dal focolaio dell’herpes labiale, funzionando anche come efficace meccanismo di prevenzione. Analogamente, si tratta di una sostanza utile anche per i pazienti che si trovano nella fase di recupero da un infortunio oppure da un intervento chirurgico, dato che la lisina incentiva la costruzione delle proteine muscolari che migliorano la ripresa. Inoltre diversi studi scientifici hanno approfondito il ruolo della lisina nella prevenzione dell’emicrania e nella salute dei vasi sanguigni.

Integratore di lisina: carenze e sovradosaggio

La lisina si trova nei cibi ricchi di proteine e raramente si può configurare una carenza, ma a causa di problemi di salute o di stress psicofisico, collegato anche ad un’intensa e regolare attività sportiva, il fabbisogno di questo aminoacido aumenta.

In caso di carenza si possono verificare stati di stanchezza generale, ansia, difficoltà nello sviluppo fisico, problemi renali.

L’integratore di lisina quindi è consigliato in caso di aumentato fabbisogno, come accade per gli atleti o per le persone in età più avanzata, o per coloro che non consumano abbastanza alimenti contenenti lisina: in questi casi il dosaggio indicato nella letteratura scientifica varia tra 1,5 e 3 grammi quotidiani.

  • In caso di herpes si consiglia 1 g di lisina per tre volte al giorno, dosaggio da dimezzare quando il focolaio inizia a ritirarsi: la cura va protratta da un minimo di una fino a un massimo di due settimane.
  • L’osteoporosi si può contrastare con 400 mg di lisina giorno insieme a 3 g di calcio, ma in questi casi è sempre importante sentire il parere del proprio medico per valutare il dosaggio più appropriato

In caso di sovradosaggio della lisina può provocare reazioni allergiche quali ad esempio gonfiore al viso, alla lingua e alle labbra, mal di gola e difficoltà respiratorie nei casi più gravi.

Come integratore, la lisina si trova spesso affiancata ad ornitina e arginina, per migliorare l’ipertrofia e quindi la crescita di massa muscolare magra. Si tratta di un prodotto particolarmente indicato nelle fasi di massa, per recuperare più velocemente da un infortunio ma anche in tutti quei casi in cui la dieta non apporta un quantitativo di proteine e aminoacidi adeguato al proprio fabbisogno.