Dieta per dimagrire: scopri la paleo!

- Scritto da in Alimentazione

Una dieta per dimagrire sempre più di moda è la cosiddetta paleo diet. In cosa consiste esattamente? Si tratta di un approccio alimentare che cerca di tenere in considerazione il corredo genetico umano ed il fatto che le informazioni nutrizionali presenti nel DNA siano rimaste praticamente invariate dall’età della pietra ad oggi.

Studi archeologici effettuati su resti scheletrici, dell’usura dentale e degli strumenti che l’uomo utilizzava, consentono di individuare l’evoluzione alimentare della nostra specie. In particolare, secondo la situazione climatica, l’uomo ha sempre adattato il proprio modo di mangiare alle esigenze della natura, privilegiando di volta in volta la raccolta di noci, semi, frutta, vegetali, ma anche la caccia e la pesca quando erano necessarie alla sopravvivenza. È molto interessante notare che gli ominidi si nutrivano con priorità degli organi interni ed del midollo osseo animale e  solo molto di rado mangiassero le uova.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Paleo Protein 823gOmega Force 200cpsAdam Mens Multivitamin 90cps

Quando l’uomo ha iniziato a insediarsi per lunghi periodi nel medesimo posto, ha iniziato a coltivare la terra e ad allevare animali: l’utilizzo sempre più frequente di cereali, latte e derivati ha sconvolto le sue abitudini e questa nuova dieta, dal punto di vista della salute, ha innescato nuove malattie, intolleranze e dipendenze.

Dieta per dimagrire: cosa si mangia con la paleo

Il regime della paleo prevede in primo luogo abbondanti porzioni di frutta e vegetali senza amido, che sono particolarmente ricchi di acqua, vitamine, sali minerali e fibre. Il fruttosio (zucchero della frutta) è un glucide a basso indice glicemico che evita gli sbalzi di glicemia e allo stesso tempo fornisce tutta l’energia necessaria all’organismo per svolgere le sue funzioni. Il consumo di frutta e verdura in grandi quantità favorisce inoltre un ambiente alcalino, quindi non acido, ideale per la salute in generale. Si ricorda solo brevemente che l’acidità di un cibo non è data dal suo sapore ma dalla sua chimica che interagisce con il nostro organismo dall’interno: il limone ad esempio, pur avendo un gusto acido, quando viene metabolizzato si comporta come un alimento alcalino e abbassa l’acidità del corpo.

Per quanto riguarda i derivati animali, la paleo consente di introdurre carni quanto più possibile magre, pesce e frutti di mare; le proteine vegetali sono introdotte come fonte lipidica attraverso la frutta secca. Da evitare sono sicuramente caffè, alcolici, conservanti e coloranti, dolcificanti, grassi idrogenati (spesso addizionati ai cibi confezionati), i prodotti industriali in generale e il junk food.

La paleo come dieta per dimagrire

Un aspetto che piacerà a molti è che questo tipo di alimentazione non prevede il calcolo dell’apporto calorico ma si basa sul senso di sazietà, preferendo cibi di qualità. Il dimagrimento è possibile, affiancando l’attività fisica, consumando alimenti poveri di grassi ma allo stesso tempo energetici. Alla dieta possono essere associati integratori di Omega 3 e Omega 6 nelle giuste proporzioni.

Per quanto riguarda gli alimenti consentiti ad esempio troviamo:

  • frutta e verdura che si possono consumare crudi
  • bacche
  • radici
  • rettili
  • insetti
  • pesci
  • crostacei
  • carni magre (selvaggina) prediligendo più che il tessuto muscolare le frattaglie, il midollo, il sangue
  • olio crudo

Tra gli alimenti vietati si classificano sicuramente

  • latte e derivati
  • cereali
  • legumi
  • sale
  • zucchero
  • additivi alimentari e i cibi che li contengono
  • bevande dolcificate
  • prodotti raffinati