Dieta dimagrante: ma qual è la più efficace?

- Scritto da in Dimagrimento

La dieta dimagrante è un regime alimentare che aiuta a perdere peso rimanendo sani e in forma: non si tratta di perdere liquidi e semplici chili sulla bilancia, si tratta di ottenere un dimagrimento reale e senza stress, facile da mantenere e che sia relativo al grasso e non alla mera perdita di peso. Sappiamo che il mondo di oggi comporta ansie e stress e probabilmente una delle diete migliori è quella che tiene conto di questa condizione prima di tutto mentale.

Tra i vari problemi che vengono associati allo stress cronico rientrano non solo l’insonnia, gli sbalzi di umore ma anche la sindrome metabolica, il sovrappeso e nei casi più gravi anche l’obesità e il diabete con tutti i disturbi correlati. Spesso non ci appare possibile cambiare in fretta le condizioni che provocano lo stress (cambiare lavoro, cambiare partner, cambiare modo di vivere e paese può apparire difficoltoso): l’invito è quindi quello di iniziare migliorando il proprio stile di vita e l’alimentazione.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Shredded 70cpsAlphamine Pes 252gDrenerin Complex 60cps

Dieta dimagrante: quali nutrienti e quando

Il normale ritmo circadiano, a prescindere da influenze esterne e cibo, comporta che il cortisolo presente nel corpo sia più elevato al mattino per prepararci ad affrontare la giornate, per poi diminuire gradatamente fino al pomeriggio. Se una persona è stressata, il livello di cortisolo sarà ancora più elevato: se la colazione è ricca di carboidrati si alza ulteriormente la glicemia, inducendo abbondante rilascio di insulina e provocando un aumento del grasso corporeo.

Nella prima parte della giornata quindi, il soggetto stressato deve prestare attenzione alla quantità di glucidi ingeriti per giovare al proprio dimagrimento. Il caffè e il the sono da evitare, è invece necessario bere molta acqua per favorire la pulizia interna e alcalinizzare l’organismo. Questo primo piccolo accorgimento, accompagnato da una regolare attività fisica (anche non particolarmente intensa) può portare subito buoni risultati: il soggetto non ingrasserà più a livello di pancia e schiena ma inizierà ad asciugarsi inizialmente proprio in questi punti.

Carboidrati a cena, si o no? Suggerimenti sui pasti

Solitamente si legge che la cena dovrebbe essere ricca di proteine e verdure, povera di carboidrati: in questo modo si stimolerebbe il GH durante la notte e il dimagrimento. Nel caso di un soggetto stressato e tendente al sovrappeso, molti nutrizionisti consigliano invece di distribuire invece i carboidrati in aumento graduale dal pranzo fino alla cena, che sarà il pasto più ricco di glucidi. Come mai? Perchè con una cena solo proteica lo stato di stress e agitazione non consentirebbe il giusto riposo, peggiorando la tensione: al contrario, la maggior presenza di serotonina consentirebbe di dormire in maniera migliore.

Torniamo alla colazione: lo stressato deve evitare i carboidrati dato che il suo picco circadiano è già ricco di glucidi, quindi in breve otteniamo

  • Colazione senza carboidrati e molte proteine
  • Pranzo con un po’ di carboidrati e un po’ di proteine
  • Cena ricca di carboidrati e senza proteine

Bisognerà in tal caso preferire i glucidi a basso indice glicemico, i cereali integrali, frutta di stagione, pane nero. Glucidi ad alto IG possono andare bene nello spuntino che segue l’attività fisica e nello spuntino che precede il riposo notturno.

Le proteine seguono specularmente l’andamento dei glucidi, più abbondanti la mattina e praticamente assenti la sera: con questa distribuzione si può controllare al meglio la glicemia e quindi l’insulina, evitando di prendere peso e favorendo il dimagrimento.