Dalla fancazzista all’acchittata, dalla milf alla bodybuilder… che “tipa da palestra” sei?

- Scritto da in Culturismo Dimagrimento Domande Frequenti Notizie e Novità Sport

Nel microcosmo della palestra, di donne, ce n’è per tutti i gusti. Mi è capitato spesso di passeggiare nei corridoi nel centro fitness dove pago un abbonamento annuale (dico “pagare” perché il verbo “usare” non sarebbe appropriato al mio caso), e osservare la situazione con occhio critico e aria apparentemente indifferente. Qualcuno, non a torto, avrà pensato: “Perché questa fanciulla gira ridendo per la sala pesi senza toccare un attrezzo neanche fosse a un vernissage di quadri di Picasso?“. Ecco… questo è proprio il punto su cui oggi vogliamo riflettere. Questo qualcuno, che ha espresso un giudizio veritiero nei miei confronti, involontariamente o meno, mi ha “catalogata”. In un ambiente specifico, quale la palestra, ha deciso di racchiudere una donna – la sottoscritta – in un gruppo ben definito: la fancazzista. Divertiamoci un po’, e tracciamo insieme una lista dettagliata delle diverse “tipe da palestra“, partendo proprio dal gruppo delle mie “adepte”.

1. LA FANCAZZISTA – La fancazzista è la classica donna che, a un certo punto della sua vita, magari in prossimità dei trent’anni, decide che, sì, è arrivato il momento di rassodare quel qualcosa che, molto probabilmente, sarà destinato a cedere giorno dopo giorno. La fancazzista si iscrive in palestra, paga un abbonamento annuale e il lunedì, giorno in cui tutto di solito inizia, prepara la sacca e va a intraprendere la sua attività sportiva. La fancazzista si impegna in una bella lezione di aerobica e torna a casa soddisfatta e dolorante. Il martedì, la fancazzista ha un impegno. Il mercoledì ha un altro impegno. Il giovedì è stanca. Il venerdì dorme più del solito. Il sabato va a fare spese. La domenica decide che “da lunedì si inizia a fare seriamente”. E il martedì… è tutto come prima.

2. LA SVOGLIATA – La svogliata è la donna che, di andare in palestra, proprio non ha voglia, ma decide di muoversi lo stesso. Vuoi per senso di colpa, vuoi perché qualcuno la costringe, vuoi per passare il tempo. La svogliata si piazza in sala pesi, si siede sulla cyclette e pedala in modo lento, sbadigliando a ritmo cadenzato. Poi, dopo mezz’ora, cambia macchinario, ripetendo la solita solfa. La svogliata torna a casa, forse con pochi risultati, e si sente soddisfatta: alla fine può dire “Oggi sono stata in palestra… che fatica“.

3. LA PR – La pr è la donna che zitta proprio non ci sa stare. Nemmeno in palestra. La pr girovaga tra gli attrezzi della sala pesi, chiacchiera con un “compagno di macchinari”, scambia due battute con un altro, organizza una cena, propone una serata al cinema, ma a irrobustire gambe, braccia e addominali proprio non ci pensa.

4. LA MILF – La milf (acronimo di “mother I’d like to fuck – “mamma che mi farei”) è la classica donna ormai matura che non vuole abbandonare, neanche in palestra, i panni della teenager che fu. La milf, quando decide di andare in sala pesi, non lo fa per caso: si prende del tempo per truccarsi (anche abbondantemente) e vestirsi in “modo adeguato”. Peccato che questo “modo adeguato”, generalmente, consista in pantacollant super attillati, canotte fluo con scollature vertiginose e strisce di pancia in vista… e qualche visibile ritoccatina del chirurgo estetico.

5. L’ACCHITTATA – L’acchittata (che dal gergo capitolino può tradursi con un “acconciata di tutto punto“) va di pari passo con la milf, ma si porta sulle spalle qualche anno di meno. L’acchittata, anche se ha passato tutta la mattinata in tuta, a casa, senza far niente, si veste ad hoc per andare in palestra. In sala pesi, sotto gli occhi attenti di uomini bramosi e femmine invidiose, sfoggia un look perfetto: unghie fucsia o gialle a seconda del top indossato, pantaloni griffati all’ultima moda, scarpe che solo perché si chiamano “da ginnastica” possono far pensare a una passeggiata faticosa sul tapis roulant, e capelli appena sfornati dal parrucchiere di fiducia.

6. L’INCAPACE – L’incapace è la causa persa per eccellenza, quella donna lontana anni luce dall’attività fisica. L’incapace si impegna, va in palestra quotidianamente, tenta di sollevare pesi di ridotte dimensioni, ma non riesce nel suo intento. L’incapace scatena l’ilarità dei vicini di macchinario, disturba di continuo l’istruttore di turno (ma non per rimorchiarlo o attaccare bottone) e, soprattutto, è cosciente di essere incapace davvero.

7. LA BODYBUILDER – La bodybuilder è quella donna di cui il settore fitness al femminile non potrebbe fare a meno. La bodybuilder sfoggia muscoli al top: bicipiti gonfi e addominali quadrettati che non possono passare inosservati… soprattutto a quelle donne che, sì, li sognano… ma non hanno proprio la voglia di ottenerli.