Da “cicciotella” a bodybuilder, la storia della bionda Anita Albrecht

- Scritto da in Culturismo Dimagrimento Domande Frequenti Notizie e Novità Salute Sport

Qualche giorno fa vi abbiamo raccontato la storia di Taryn Brumfitt, la fotografa e scrittrice australiana che, da cultrice della forma fisica, con i suoi chiletti in eccesso è diventata un’esponente agguerrita del “mondo curvy”. Oggi, ecco un percorso inverso: quello della londinese Anita Albrecht, che da ragazza “cicciottella” si è trasformata in una personal trainerbodybuilder professionista. Il suo dimagrimento è iniziato in modo un po’ bizzarro: una dieta drastica consigliatale da un’infermiera pasticciona, che sosteneva che il suo BMI (Body Mass Index, o IMC, Indice di Massa Corporea) fosse troppo elevato – della serie “signorina, mangi di meno e si muova di più.

muscle60_1944814aQuesto regime alimentare, alquanto sconsiderato (che non prendeva in considerazione il fatto che il muscolo pesa più del grasso) prevedeva l’assunzione di circa mille calorie al giorno, la metà della quantità raccomandata a una donna: «Le mille calorie al giorno – ha precisato Anita – vanno bene solo per le persone che sono gravemente obese e che non sono attive. Questa dieta dovrebbe essere fatta per un massimo di dodici settimane, generalmente prima di un intervento chirurgico». L’indice di massa corporea, secondo la culturista londinese, non è infatti attendibile, e le diete dovrebbero variare a seconda delle circostanze individuali, non in merito a un “calcolo matematico”. Anita, sesto posto nel concorso di Miss Galassia Universo edizione 2012, come potete osservare dalla foto a inizio paragrafo, è riuscita a costruirsi un fisico invidiabile: bicipiti tonici, gambe di sasso, tartaruga e glutei al top… e non un filo di adipe in eccesso.

Un accenno ai calcoli citati… L’IMC o BMI è un parametro che mette in relazione la massa corporea e la statura di un individuo. Esso viene calcolato dividendo il proprio peso espresso in kg per il quadrato dell’altezza in metri (formula: Massa corporea kg/ Statura m2). Per fornire un esempio concreto: l’IMC di un uomo che pesa 75 kg ed è alto 1 metro e 80 centimetri si otterrà dividendo 75 per il doppio di 1,80. Risultato: 23,1. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’indice di massa corporea può essere diviso in quattro gruppi: 1. Sottopeso (IMC al di sotto di 19); 2. Medio (IMC compreso tra 19 e 24); 3. Sovrappeso (IMC compreso tra 25 e 30); 4. Obesità (IMC al di sopra di 30).

Ecco lo schema diviso in base all’età…

Età in anni IMC desiderabile
19 – 24 19 – 24
25 – 34 20 – 25
35 – 44 21 – 26
45 – 54 22 – 27
55 – 64 23 – 28
> 65 24 –