Creatina alcalina per massimizzare lo stoccaggio

- Scritto da in Integratori

La creatina alcalina è una formula che è entrata a far parte dell’alimentazione sportiva da diversi anni e che viene lavorata a PH più elevati per avere un effetto meno acidificante una volta introdotta nell’organismo, nel senso che non subisce l’attacco dei succhi gastrici durante il passaggio digestivo nello stomaco: in questo modo può essere assimilata più facilmente e non converte in creatinina, un sottoprodotto inattivo e leggermente tossico per i reni.

La sua migliore assimilabilità fa si che una quantità maggiore ne venga immagazzinata a livello della muscolatura scheletrica: inoltre questo tipo di creatina non necessita del tipico periodo di carico (durante il quale, inizialmente, l’integratore viene assunto a maggior dosaggio), evitando piccoli disturbi a livello intestinale.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Quamtrax Kre Alkalyn 3000 240cpsCN3 Powder 225gCreatine PH-X 210cps

Creatina alcalina, massima efficienza energetica

La creatina alcalina garantisce una maggiore efficienza energetica, vediamo come. Quando si utilizza questo integratore nella sua tradizionale forma di complesso amminoacidico monoidrato (cioè legato a molecole di acqua), una parte del nutriente viene trasformato in creatinina nell’apparato digerente: la creatininina non ha funzionalità utili al metabolismo e il suo effetto anche risultare leggermente intossicante. Ecco perchè la creatina monoidrato è meno efficace della creatina alcalina, a parità di dosaggio assunto.

La differenza fondamentale tra le due tipologie risiede quindi nell’efficienza energetica, dato che la versione alcalina può essere stoccata e utilizzata al 100% del suo potenziale. È opportuno ricordare che molti studi hanno verificato l’assenza di controindicazioni ed effetti collaterali (rispettando i dosaggi delle etichette) sia per la creatina che per la creatinina a livello di fegato e reni.

Come assumere la creatina alcalina

Vediamo in questo paragrafo quando la creatina alcalina agisce al meglio sul metabolismo e le sue modalità di assunzione. Intanto è bene segnalare l’utilità di questo supplemento alimentare nell’ambito del body building e in generale negli sport che prevedono attività anaerobica, mentre non sia altrettanto utile per le attività aerobiche.

La creatina alcalina garantisce tutto il suo potenziale energetico che va a vantaggio della forza fisica, garantendo allenamenti più intensi e una maggiorata ipertrofia. Per quanto riguarda i dosaggi, solitamente si consigliano 3 grammi al giorno di integrazione, ma potrebbe essere utile incrementare fino a 5 grammi la quantità durante diete dimagranti ipocaloriche. Ad ogni modo non si deve superare la dose raccomandata: su determinati soggetti, elevate quantità soprattutto per tempi prolungati possono indurre affaticamento renale, crampi addominali e problemi intestinali.

Quando assumere la creatina alcalina

Il consiglio migliore è probabilmente quello di assumere l’integratore mezz’ora/quaranta minuti prima dell’allenamento, meglio ancora se accompagnato a 20 minuti di distanza ad un piccolo spuntino a base di carboidrati ad elevato IG e amminoacidi stimolatori di insulina. Con questa strategia si potrà ottenere una buona secrezione di insulina che promuoverà più nutrimento a livello cellulare ed un maggiore effetto ergogenico.

Ecco in breve le caratteristiche della creatina alcalina

  • la sua formula presenta pH più elevato rispetto alle altre creatine in commercio;
  • una volta digerita genera meno sostanze di rifiuto;
  • la dose da assumere è più bassa delle altre forme di creatina, ma consente di raggiungere gli stessi risultati;
  • non è richiesto un periodo iniziale di dosaggio più elevato (periodo di carico);
  • viene assimilata meglio a livello tissutale;
  • limita l’insorgenza di gonfiori e ritenzione idrica;
  • migliore digeribilità rispetto alle altre creatine.