Come riconoscere l’overtraining

- Scritto da in Domande Frequenti Salute
ecco i cibi che fanno dimagrire

L’overtraining è un fenomeno che si può manifestare facilmente soprattutto se si pratica una regolare attività fisica. Fare sport risulta senza dubbio importante per la salute ma quando tale pratica viene affrontata senza concedersi il giusto riposo può diventare una pericolosa dipendenza. In alcuni casi addirittura l’esercizio fisico diventa dannoso e se praticato fuori controllo genera problemi talvolta difficili da riparare. In questo approfondimento affrontiamo i principali segnali che possono indicare il sovrallenamento.

Come riconoscere l’overtraining: dalla frequenza cardiaca agli infortuni

In primo luogo bisogna fare attenzione al battito cardiaco a riposo soprattutto se accelera in maniera immotivata. Per determinare la frequenza cardiaca si può sfruttare un cardiofrequenzimetro o rilevare il battito attraverso il polso o il collo. Il rilevamento andrebbe effettuato la mattina dopo essersi alzati ed essere rimasti seduti per alcuni minuti. Una frequenza cardiaca normale a riposo dovrebbe rientrare tra i 60 e 100 battiti al minuto.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Anavite 180 cpsOmega Force 200cpsDaily Formula 100cps

Il secondo campanello d’allarme è dato dal ritardo dei tempi di recupero. Una stanchezza particolarmente accentuata è sicuramente uno degli effetti collaterali più riconoscibili del sovrallenamento ed è caratterizzata da un ritardo nei tempi di recupero. Di solito molti atleti reagiscono alla stanchezza allenandosi per generare una sferzata di energia ma seppure tale pratica può restituire vigore sul breve termine, determinerà un peggioramento della situazione.

Il terzo aspetto è la paura di perdere il controllo: c’è una linea molto sottile che distingue un allenamento sano e regolare dal sovrallenamento e possiamo iniziare a sospettare di aver varcato questo limite quando iniziamo ad aver paura di perdere anche solo un giorno o solo un’ora di attività fisica. Se la costanza da una parte è sicuramente importante non significa che non ci possano essere degli strappi alla regola sia per quanto riguarda lo sport che per l’alimentazione.

Se gli infortuni iniziano ad essere frequenti, in termini soprattutto di tendiniti, indolenzimenti, dolori cronici e problemi articolari bisogna prendere in considerazione l’ipotesi di aver raggiunto una situazione di sovrallenamento.

Altri sintomi per riconoscere il sovrallenamento

Anche quando iniziamo a sostituire con l’attività fisica altre attività sociali è opportuno fermarsi a riflettere su quello che stiamo facendo e prendere in considerazione i livelli di stress raggiunti così come le cause che lo hanno determinato.

Un altro sintomo che consente di individuare una situazione di over training è dato dall’eccessiva stanchezza anche durante un attività fisica che richieda una frequenza medio-bassa dei ritmi cardiaci.

Ed ancora:

  • difficoltà ad aumentare il battito cardiaco durante le prestazioni
  • irritabilità e difficoltà a prendere sonno
  • depressione ed apatia
  • perdita di peso eccessivo
  • mancanza di appetito
  • necessità di mangiare continuamente cibi dolci
  • infezioni e difese immunitarie basse
  • alterazioni ormonali

Se il sovrallenamento è ancora in uno stadio precoce, un assoluto riposo potrebbe essere sufficiente per ripristinare le normali funzionalità del nostro organismo e rientrare in una situazione di sicurezza. Alcuni integratori possono facilitare il recupero come ad esempio gli idro salini, i multivitaminici, gli aminoacidi ramificati, la creatina, la carnitina, gli acidi grassi essenziali omega tre e tutti gli integratori adatti a sostenere il sistema immunitario a base di probiotici, vitamine, antiossidanti, zinco e selenio.