Come raggiungere e conservare il migliore stato di forma

- Scritto da in Culturismo Notizie e Novità Salute Sport
EDT Escalating density training

In questo approfondimento ci dedichiamo a come rimanere sempre al massimo della nostra forma fisica sfruttando le potenzialità dell’organismo. Purtroppo non esistono regole universali che ci consentano di essere perfettamente definiti ma allo stesso tempo con una buona massa muscolare in evidenza.

Se per il massimo della forma intendiamo poi quel tipo di definizione muscolare che possiamo trovare negli atleti californiani e nelle riviste di culturismo bisogna mettere subito in chiaro che si tratta di una situazione precaria, conseguenza di una preparazione sportiva altamente specifica e di una dieta e di un’integrazione programmati fino al minimo dettaglio.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Thermo-X 100cpsDeidroBol 750mg 100cpsStacker 3 XPLC 100cps

Hai raggiunto la tua forma migliore: come mantenerla…

L’organismo infatti tende a ricercare una condizione fisiologica decisamente più accettabile e confortevole in cui l’equilibrio metabolico possa essere mantenuto in maniera più semplice. Si parla quindi di meccanismi di adattamento e di modifiche del metabolismo, dei livelli di appetito e di comportamenti che puntano a rientrare nel “Fat-point”. Questo concetto indica quel livello di grasso minimo che per ognuno è più o meno predeterminato dal punto di vista genetico: questo significa che è inutile cercare di emulare l’amico che nonostante mangi di tutto mantiene sempre addominali scolpiti: tutti più o meno hanno una certa soglia di grasso minimo determinata che verrà mantenuta nel corso della vita.

Dalla definizione all’aumento massa senza ingrassare: il fat-point

Questa teoria tuttavia non è stata confermata dalla scienza ed anzi numerosi esperti considerano tale livello ampiamente modificabile. L’adattamento infatti si verifica quando una situazione viene conservata per lungo tempo quindi se una persona ingrassa e mantiene quella determinata percentuale di tessuto adiposo per un lungo arco di tempo, l’organismo si regola e si registra a quel livello di minimo grasso.

Quindi il segreto per abbattere il proprio personale Fat-point è dimagrire e conservare la percentuale di grasso inferiore raggiunta per il più lungo periodo possibile. D’altra parte non sono rari i casi di persone ex sovrappeso che hanno raggiunto una nuova migliore composizione corporea e sono riusciti a mantenerla a lungo riportando i livelli di grasso standard ad una percentuale decisamente inferiore rispetto a quella di partenza.

Se a seguito di una dieta piuttosto restrittiva siamo arrivati ad uno stato di forma perfetto con la giusta percentuale di grasso, vorremmo mantenere i risultati e possibilmente aumentare ancora la massa muscolare, specialmente se siamo dei culturisti. Quel che bisogna tenere a mente è che perpetuando una dieta restrittiva la massa e i muscoli tendono a perdersi, mentre se si aumentano eccessivamente le calorie il rischio quello di ingrassare.

Un interessante approccio scientifico pubblicato negli anni 2000 era riuscito a ottenere incredibili risultati di aumento massa senza attività fisica, semplicemente modificando l’alimentazione, nella misura di tre chili di massa muscolare in appena 12 giorni, (senza palestra, lo sottolineiamo). Lo scopritore di questo approccio era un culturista e studente universitario svedese che basava le sue osservazioni sul fatto che il nostro corpo sia programmato a rispondere in maniera estremamente precisa a ogni cambiamento drastico dell’alimentazione.

Ad esempio quando c’è carenza di un certo nutriente il nostro corpo diminuisce gli enzimi che hanno il compito di dedicarsi al suo catabolismo aumentando quelli relativi all’immagazzinamento. Quindi i grassi alimentari non vanno eccessivamente ridotti durante una dieta altrimenti si rischia l’effetto contrario e questo vale anche per i carboidrati e per le proteine.

Tale metodo prevede 15 giorni di dieta a basso contenuto calorico pari al metabolismo di base seguiti da altri 15 giorni di dieta ipercalorica che aggiunge 1500 cal alla dieta di mantenimento. L’aumento delle calorie è il parametro più incisivo per quanto riguarda un incredibile aumento della sintesi proteica e della ritenzione dell’azoto ad essa collegato. Durante tale fase ipercalorica si elevano gli ormoni anabolici, migliora la sintesi degli ormoni tiroidei lipolitici e della leptina, anch’essa fondamentale per il dimagrimento così come la scienza ha recentemente confermato. Ovviamente associando allenamento e integratori i risultati possono essere ancora più evidenti.