Come gestire gli attacchi di fame

- Scritto da in Alimentazione

Chi ha necessita di perdere peso e sta affrontando una dieta ipocalorica può scontrarsi con un problema spesso problematico da gestire, l’insorgenza degli attacchi di fame. Se siamo abituati a consumare tanto cibo, soprattutto del genere ‘junk food’ ovvero grasso, ricco di sale e di zuccheri, cercare di elaborare un piano alimentare restrittivo diventa difficile ma con un pizzico di attenzione tutto può cambiare e possiamo dare inizio a una dieta sana, equilibrata e votata al dimagrimento.

Come gestire gli attacchi di fame. La prima regola per contrastare gli attacchi di fame si basa sul consumare almeno cinque pasti al giorno, quindi la colazione, lo spuntino mattutino, il pranzo, lo spuntino pomeridiano e la cena. In questo modo possiamo non sentire i morsi della fame durante la giornata. Consumare 5 pasti al giorno aiuta notevolmente il nostro metabolismo, che si propone attivo e vivace. Come confermato da diversi studi, mangiare spesso e in maniera equilibrata, aiuta il corpo a perdere peso in modo equilibrato. Ovviamente i cibi che compongono la dieta devono essere sani, nutrienti e non possono mancare tanta frutta e tanta verdura fresca. La frutta può essere impiegata soprattutto negli spuntini, associata al consumo di yogurt magro o di prodotti da forno rigorosamente integrali e preparati con le nostre mani.

Per gestire gli attacchi di fame diventa inoltre importante assumere alimenti sazianti, come i carboidrati integrali e i legumi e accompagnarli durante la giornata a un intenso consumo di acqua naturale bevuta a temperatura ambiente. L’acqua ha un grande potere saziante e rasserenante, quindi può essere bevuta ogni volta che si avverte il senso di fame per calmare l’organismo e per renderlo più dolce e sereno. Un percorso di dieta per saziare il senso della fame viene supportato in maniera importante da integratori fornulati per diffondere una sensazione di sazietà.