Come dimagrire: 5 semplici ma efficaci consigli

- Scritto da in Alimentazione Dimagrimento

Come dimagrire senza seguire una dieta? È vero che quasi tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo cercato di iniziare e portare a termine una dieta per dimagrire o per tonificarci: sappiamo anche che il movimento fisico ed uno spirito positivo e convinto sono la chiave per riuscire nel proprio intento. Tuttavia se si seguono alcuni semplici ma efficaci consigli, possiamo evitare le imposizioni spesso ripetitive di un regime alimentare votato al dimagrimento ed ottenere risultati apprezzabili. Vediamo quindi alcuni di queste indicazioni.

Come dimagrire: linee guida per salutare i chili in più

La premessa è sempre quella di valutare l’opportunità di una dieta e i consigli nutrizionali di uno specialista che possa valutare di persona la situazione complessiva. L’alimentazione è uno dei principali carburanti per il nostro corpo ed è fondamentale curarla al meglio.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Animal Cuts 42packsHydroxycut Hardcore Elite 100cpsThermo-X 100cps

I tre macronutrienti che costituiscono la nostra alimentazione (carboidrati, proteine e grassi) si comportano tra loro in maniera differente nel nostro organismo: carboidrati e proteine apportano approssimativamente 4 kcal per ogni grammo, mentre i lipidi ne contano 9. Dobbiamo guardarci solo dai lipidi assimilati dunque? In realtà il discorso è più complesso, cerchiamo di semplificarlo. I carboidrati influenzano la secrezione degli ormoni pancreatici determinando il livello di insulina in circolo: un eccesso di insulina tuttavia indica che gli zuccheri, dopo aver saturato le cellule epatiche, inizieranno a depositarsi come grasso (per non parlare dell’innesco di potenziali situazioni di resistenza insulinica e nei casi più gravi, di diabete). Carboidrati si dunque, ma in maniera equilibrata e ponderata!

Come dimagrire: i carboidrati fanno ingrassare?

Dilazioniamo i carboidrati nei tre pasti principali e nei due piccoli spuntini, prediligendo gli zuccheri a basso indice glicemico (facilmente individuabili con una ricerca sul web). I cibi preferiti devono essere frutta e verdure (preferibilmente crude in modo da mantenere inalterate le loro proprietà e verificandone tuttavia l’origine e la qualità) che oltre ad apportare carboidrati a basso IG sono ricchi di fibre, vitamine e antiossidanti.

Proteine e muscoli, qual è la relazione

E le proteine? È vero che più proteine significano più muscoli? Le proteine sono effettivamente il materiale plastico con cui i muscoli si riparano, si costruiscono, eventualmente aggiungendo anche nuova massa: solitamente chi pratica sport introduce proteine ogni 3, 4 ore tramite spuntini o in maniera estremamente pratica, con gli integratori. Anche un eccesso di proteine tuttavia può trasformarsi in grasso e caricare di lavoro i reni, impegnati a liberare l’organismo dalle scorie azotate. Quindi anche le proteine sono ok, ma vanno dosate con cognizione di causa.

I lipidi: sono gli unici responsabili dell’aumento di adiposità?

Da quanto abbiamo compreso finora è chiaro che i lipidi, seppur spesso additati come unici colpevoli o quasi, non sono i soli responsabili dei tessuti adiposi tanto combattuti nelle palestre e nelle cucine. Anche in questo caso è opportuno ricordare che l’eccesso di grassi può aumentare il colesterolo e il rischio di patologie cardio circolatorie ma hanno una importantissima funzione biologica e non possiamo privarcene. In particolare è bene evitare i grassi saturi delle carni rosse, degli insaccati, dei latticini e prediligere, se si desidera comprenderle nella propria dieta, le più magre carni bianche e di pesce. I grassi salutari, ricchi di omega 3 si trovano soprattutto nei semi oleosi (dato che la cottura del pesce priva le sue carni praticamente di ogni traccia di questi) di lino e di canapa, per citarne solo un paio.