Coenzima Q10: cos’è e come agisce sulla prestazione sportiva

- Scritto da in Integratori Notizie e Novità
coenzima Q10 integratore per una migliore performance

Il coenzima Q10 sarà oggetto di questo approfondimento per quanto riguarda l’ambito sportivo: cercheremo di comprendere tutte le implicazioni metaboliche e i processi che sono collegati alla prestazione fisica nel suo complesso.

Quando svolgiamo esercizio fisico intenso avvengono numerose modificazioni a livello organico, sia muscolare sia chimico, che costituiscono importanti variabili coinvolte nello stress ossidativo. Il maggiore consumo di ossigeno, l’iperattività dei mitocondri, le variazioni nei rapporti tra fibre e capillari sono solo alcuni esempi di tutti gli eventi biochimici che generano radicali liberi.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Co-Q10 60mg 120cpsCoenzima Q10 30 mg 60 cpsEuro Vita-Mins 120cps

Coenzima Q10 e miglioramento della performance

Sappiamo che queste molecole hanno un’elevatissima reattività chimica e sono capaci di interagire con molecole più grandi, determinando modificazioni sia dal punto di vista della struttura che delle funzioni. Recentemente tanti gruppi di ricerca si sono dedicati a studiare i meccanismi tramite cui avvengono tali cambiamenti e reazioni, scoprendo una stretta correlazione con il calo delle difese immunitarie, il sovra-allenamento, il calo della performance e infortuni più frequenti.

Una strategia per l’atleta e per gli specialisti della salute potrebbe quindi essere quella di riuscire a controllare al meglio lo stress ossidativo legato allo sport intenso. Al giorno d’oggi sappiamo che alcune sostanze sono particolarmente efficaci grazie alla loro azione antiossidante come la vitamina C, la vitamina A, la vitamina E, il glutatione, l’acido alfa lipoico e il coenzima Q10.

Il coenzima Q10 fa parte della famiglia degli Ubiquinoni ed è presente in tutte le cellule del nostro organismo: il corpo umano è capace di sintetizzarlo proprio a livello cellulare. La sua natura chimica è lipofila, questo significa che il coenzima tende a legarsi e lavorare in presenza di grassi e intervenire, soprattutto a livello di mitocondri, in tante reazioni biologiche.

Coenzima Q10, prevenzione e trattamento dello stress ossidativo per gli sportivi

A questo coenzima Q 10 si attribuiscono numerose attività:

  • sostegno generale alla prestazione sportiva, grazie all’attività energetica e alla sintesi di ATP nello specifico
  • attività antiossidante
  • azione catabolica intesa come sostegno all’attività dei lisosomi (che rappresentano gli organelli digestivi delle cellule)

Tutte queste proprietà fanno sì che il potenziale del coenzima Q 10 sia particolarmente elevato sia come prevenzione e sia come trattamento di numerose patologie, anche quelle degenerative, oltre che tutti gli stati correlati allo stress.

Per quanto riguarda l’attività sportiva, il ruolo del coenzima è stato molto rivalutato soprattutto nell’ultimo decennio, grazie al sempre maggior numero di ricerche dedicate. La sperimentazione ha riguardato soprattutto la fase del post-allenamento e l’infiammazione muscolare: uno degli studi più recenti ha dimostrato che con 5 mg di coenzima Q 10 per ogni chilo di peso, somministrato al termine del training, si è ridotto il danno cellulare e biochimico a carico dei muscoli nell’arco delle successive 24 – 48 ore. Analoghi risultati positivi sono stati riscontrati anche nell’ambito del sostegno al sistema immunitario, sottoposto ad una intensa attività fisica.

È risaputo infatti che un allenamento intenso e prolungato possa alterare i meccanismi immunitari aumentando il rischio di sovrallenamento, ma una supplementazione di questo coenzima può modulare l’attività dei leucociti, riducendo l’incidenza di overtraining e e riducendo anche il calo della prestazione atletica.

Anche se tanti studi sono orientati a studiare gli effetti preventivi del coenzima sullo stress ossidativo e sull’infiammazione negli sportivi, non mancano evidenze comprovate sull’efficacia anche a livello di trattamento. Uno studio del 2000 e 12 ha confermato i risultati di altre ricerche, sostenendo che l’integratore di coenzima Q10 consenta un miglioramento sensibile del metabolismo ossidativo, consentendo più energia e maggiore capacità performante durante l’allenamento.

Non esistono segnalazioni ed evidenze di effetti collaterali clinicamente rilevanti: le reazioni avverse più frequenti nei soggetti sensibili riguardano l’apparato gastrointestinale. Il dosaggio sicuro rimane entro il grammo giornaliero, e suddividendo il quantitativo complessivo in più assunzioni da 100 mg si riducono eventuali effetti secondari indesiderati. Se si seguono terapie farmacologiche o in caso di gravidanza e allattamento è opportuno consultare il proprio medico, per escludere possibili interazioni.