Caseina micellare: lavora sui muscoli mentre dormi

- Scritto da in Alimentazione Integratori
caseine idrolizzate

Caseina micellare appartiene alla famiglia delle caseine, la maggiore frazione proteica presente nel latte di mucca, il cui contenuto azotato viene distinto in quattro parti:

  • la caseina: si tratta di fosfo-proteine che rappresentano i 2/3 delle sostanze azotate del latte vaccino, sono insolubili e precipitano quando il pH raggiunge il valore di 4,6, oppure in presenza di caglio aggiunto. La caseina ha un buon valore biologico grazie all’ottima presenza di aminoacidi essenziali;
  • le proteine del siero di latte: dette anche whey protein, sono particolarmente presenti nel siero che rimane dopo la caseificazione e sono caratterizzate da un altissimo valore biologico. Rappresentano la frazione solubile del latte e il 17% circa del contenuto azotato complessivo. Quando il latte viene riscaldato, le proteine del pensiero risultano denaturate, mentre le micelle della caseina subiscono solo piccole modifiche, resistendo meglio al calore;
  • proteine enzimatiche: sono le immunoglobuline, le lattoferrine e altre proteine che non hanno valore esclusivamente nutritivo ma piuttosto concorrono a migliorare lo stato di salute, partecipando ad importanti reazioni chimiche, protagoniste di processi antibatterici, trofici, digestivi;
  • azoto non proteico: sappiamo che l’urea è il composto azotato non proteico più presente nel latte e i suoi valori sono strettamente legati alla salute dell’animale.

I formaggi stagionati sono fonti di caseina mentre i latticini prodotti dal siero come la ricotta, presentano più abbondanti proteine whey. Ovviamente esistono integratori specifici che apportano queste frazioni proteiche in maniera completa.

Caseina micellare, caratteristiche nutrizionali

La caratteristica che distingue le caseine è il formato con cui si agglomerano, detto micella: si tratta di grossi aggregati sferici di proteine che risultano dispersi nel latte, dove la parte idrofila è rivolta all’esterno e quella idrofoba verso l’interno. Questi aspetti chimici ci consentono di comprendere le proprietà della caseina micellare.

Ogni micella è costituita da sub-micelle più piccole di forma sferica che a seconda della distribuzione presenta molecole disposte diversamente. Al loro interno sono presenti piccoli quantitativi di lattosio e sali minerali quali calcio e fosforo, che stabilizzano la struttura a livello chimico. All’esterno invece, troviamo lattosio, proteine del siero, siero e ioni di piccole dimensioni.

La dimensione delle micelle varia a seconda della specie animale: il latte di donna ad esempio presenta un diametro inferiore nelle proprie micelle rispetto a quelle del latte di mucca. Questo fa sì che la caseina umana risulti per noi più digeribile. Gli enzimi dello stomaco infatti devono suddividere le micelle più grandi prima di poter procedere alla digestione e in tal senso, un formato maggiore rappresenta una superficie più grande da lavorare, rallentando l’azione digestiva.

Caseina micellare: il valore biologico

Abbiamo detto che le caseine hanno una buona composizione a livello di aminoacidi, e contengono infatti buone quantità di arginina, glutammina, fenilalanina. Lo sportivo che sceglie di integrare specifici supplementi a base di sola caseina, sappia che pur essendo tali prodotti carenti di solforati, si tratta di molecole facili da introdurre attraverso la dieta, dato che sono presenti sia nel pesce che nella carne.

Per quanto riguarda la digeribilità, le caseine sono una fonte proteica detta a lento assorbimento: rispetto alle proteine del siero vengono assorbite più lentamente e garantiscono quindi un ingresso degli aminoacidi più dilazionato nel tempo nel flusso ematico. Per questo motivo a pari dosaggio, hanno un indice insulinico inferiore e una maggiore capacità saziante.

Dalle premesse quindi, il consiglio è quello di assumere integratori a base di caseina micellare lontano dall’allenamento o comunque prima di andare a dormire, per stimolare la sintesi di nuove proteine e limitare il catabolismo indotto dal digiuno prolungato nelle ore notturne.