Caseina idrolizzata: è meglio della micellare?

- Scritto da in Integratori Notizie e Novità

In questo approfondimento mettiamo a confronto le qualità della caseina idrolizzata rispetto a quella micellare. La caseina idrolizzata si sta recentemente imponendo nell’ambito dell’integrazione sportiva per popolarità ed efficacia, come uno dei supplementi da preferire in assoluto per quanto riguarda le proteine. La caseina idrolizzata è prodotta da diverse aziende e distribuita sotto formule registrate .

La competizione tra le proteine del siero e la caseina nasce verso la fine degli anni 90 quando alcuni scienziati francesi avevano osservato proprietà differenti tra le varie frazioni delle proteine del latte: le prime infatti erano caratterizzate da un’assimilazione piuttosto rapida con un comportamento di stimolo sulla sintesi proteica che risultava meno impattante in termini anticatabolici. Le caseine invece risultavano digeribili più lentamente con un rilascio graduale nel tempo degli aminoacidi, un minore impatto sulla sintesi proteica ma una maggiore capacità di sopprimere i processi catabolici sulle proteine della muscolatura.

Confronto tra caseine idrolizzate e whey idrolizzate

Se la caseina nativa ossia micellare nasce come proteina lenta, la variante idrolizzata  diventa una proteina più veloce, paragonabile a quelle del siero per intenderci. E risulta più veloce addirittura delle whey concentrate che rappresentano la forma meno pura. Il processo di idrolisi infatti rende più rapidi i tempi di digestione e di assimilazione delle sostanze che vengono sottoposti a tale procedimento.

Di tutte le ricerche condotte solo uno studio del 2000, quello di Demling e DeSanti si è occupato di osservare sul lungo termine le variazioni della composizione corporea confrontando diverse proteine, coinvolgendo 38 individui sovrappeso sottoposti per 12 settimane ad una dieta ipocalorica:

  • il gruppo di controllo è formato da 10 soggetti che non si allenano e non assumono integratori
  • un altro gruppo è composto da 14 soggetti che segue la dieta ipocalorica e iperproteica calcolando 1,5 g di proteine per ogni chilo di peso e associando un’attività fisica con i pesi più un ntegratore di caseina idrolizzata
  • il terzo gruppo sempre di 14 soggetti segue la stessa identica dieta del gruppo precedente e il medesimo allenamento ma come integratore utilizza le proteine del siero idrolizzate.

Al termine dei tre mesi tutti e tre gruppi hanno perso in media 2,5 kg di peso:

  • il gruppo di controllo che ha seguito semplicemente la dieta ha visto ridurre il grasso corporeo dal 25 al 27% senza aumento di massa magra
  • il gruppo della caseina ha visto ridurre il grasso dal 18 al 26% con un aumento di quattro chili di massa magra
  • il gruppo delle whey ha perso dal 23 al 27% di grasso con un aumento medio di due chili di massa magra

La forza muscolare è incrementata di circa il doppio nel gruppo caseina rispetto quello delle proteine del siero e i ricercatori hanno concluso che per quanto riguarda le differenze piuttosto significative in termini di composizione corporea e forza, le caseine idrolizzate hanno manifestato una migliore ritenzione dell’azoto e un più accentuato effetto anticatabolico per via dei componenti peptidici al suo interno.

Caseina idrolizzata: ecco perchè non è miracolosa

Questi risultati quasi miracolosi vanno stemperati considerando che soggetti sedentari e obesi sono stati improvvisamente sottoposti a dieta ed esercizio fisico, rispondendo sicuramente in maniera repentina rispetto ad un fisico già allenato e magro. Altre analisi inoltre condotte su soggetti sportivi hanno osservato differenze davvero minime tra le due tipologie di integratori ed inoltre la misurazione della massa grassa sarebbe stata eseguita attraverso la plicometria, un metodo ritenuto poco attendibile.

Gli aminoacidi che derivano dalla caseina idrolizzata inoltre secondo altri studi raggiungono la muscolatura a percentuali minori rispetto alla caseina micellare e considerando tutti questi aspetti risulta ingiustificato un prezzo così di tanto superiore per effetti che non sono stati saldamente e universalmente provati.