Beta alanina per i bodybuilder: ecco come agisce

- Scritto da in Integratori
alanina integratore

Beta alanina per i bodybuilder: stiamo parlando di un aminoacido di grande successo soprattutto in tempi recenti. È importante conoscere bene questa sostanza per formulare al meglio i dosaggi ideali e concepire i meccanismi di funzionamento.

Sotto forma di integratore, la beta-alanina si presenta come una polvere di cristalli: si utilizza nel body-building e negli allenamenti ad elevate intensità, quando avviene cioè una più massiccia produzione di ioni H+. In conseguenza dell’aumento di questi ioni idrogeno infatti, si intensifica un processo di acidosi che diminuisce il pH intracellulare. Questo comporta una minore capacità da parte dei muscoli di contrarsi ed un senso di fatica che si manifesta più precocemente.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Beta Alanina 180cpsBeta Alanina 100cpsBeta A+ 100cps

Beta alanina per i bodybuilder

Per ritardare e contrastare l’acidosi provocata dall’attività fisica condotta ad alta intensità, l’integratore di beta alanina viene consigliato come tampone, capace di gestire le variazioni del pH. Gli effetti svolti da questo aminoacido sono compiuti attraverso la carnosina, una molecola di derivazione aminoacidica che si forma dall’unione tra alanina e istidina. Per comprendere l’importanza dell’integratore, basti pensare che se l’istidina è particolarmente presente nel nostro organismo, la beta alanina è decisamente meno abbondante.

Beta alanina per i bodybuilder: utilizzi e dosaggio

Abbiamo capito quindi che l’importanza della beta alanina si esplica indirettamente attraverso la formazione di carnosina: questo integratore quindi aumenta i livelli di carnosina a livello muscolare, allo scopo di regolare il pH. A livello clinico, carnosina e alanina sono noti e utilizzati anche come efficaci antiossidanti nelle terapie antiage.

Il dosaggio consigliato dalla letteratura specializzata e di 4 / 5 g al giorno. All’assunzione corrisponde il tipico effetto collaterale di un formicolio: si tratta di un evento assolutamente normale che non deve destare preoccupazione, determinato dall’affinità della beta alanina rispetta i nervi sottopelle. Normalmente il fastidio, avvertito come simile ad un prurito, svanisce con l’abitudine all’assunzione.

Chi risultasse particolarmente sensibile a questa manifestazione, può decidere di assumere la beta alanina integratore frazionando il dosaggio in diverse somministrazioni giornaliere o insieme ad un piccolo pasto. Risulta comunque importante assumerlo prima di iniziare l’allenamento per sostenere la vasodilatazione e l’effetto pumping.

Beta alanina per i bodybuilder e creatina

Insieme alla creatina, la beta alanina condivide gli stessi meccanismi di assimilazione: tale osservazione suggerisce di poter utilizzare insieme queste due sostanze in sinergia, per migliorare la performance specialmente nell’ambito della resistenza alla fatica.

L’utilizzo di questo integratore non richiede specificatamente cicli e secondo diversi studi clinici, un carico di quattro settimane risulta sufficiente per saturare le scorte di carnosina, conservabili con un dosaggio dimezzato pari a 2 g al giorno di prodotto.

In conclusione, questo aminoacido è particolarmente indicato nell’ambito del body-building, specialmente per coloro che seguono allenamenti di elevata intensità prolungati nel tempo. Per questo motivo si tratta di un ingrediente molto presente nelle formule preworkout.

Come la più nota citrullina, anche la beta alanina stimola l’ossido nitrico e l’effetto pump, quello per cui i muscoli, subito termine dell’allenamento, risultano particolarmente volumizzati ed esplosivi. La maggiore irrorazione derivata dalla vasodilatazione infatti, determina un aumento dell’ossigeno e dei nutrienti in arrivo verso le fibre, che risultano visibilmente (seppur temporaneamente) più grandi.