Benessere delle articolazioni: glucosamina e condroitina solfato

- Scritto da in Alimentazione
glucosamina e condroitina solfato per le articolazioni

I dolori articolari sono tra i compagni più indesiderati di chi frequenta la palestra a prescindere dalla disciplina effettuata ma sopratutto per i body builder, eppure spesso sono presenti non solo tra i principianti ma anche (e soprattutto) tra chi è più esperto e applica carichi maggiori. Quando le articolazioni fanno male l’allenamento ne risente, perchè magari si sceglie di non eseguire un certo tipo di esercizio o perchè si è costretti e interrompere del tutto il workout, limitando molto i potenziali risultati ottenibili.

Qualsiasi sia la conseguenza, succede quindi che i nostri obiettivi tarderanno ad arrivare e ci sentiremo frustrati per il rischio di aver vanificato tante ore di impegno. Ma è davvero inevitabile incappare nei dolori articolari? Cosa si può fare per il benessere delle articolazioni? Per capire cosa possiamo fare per prevenirli e risolverli, bisogna indagare le cause alla loro origine, per giungere poi ad una soluzione efficace.

Cosa provoca i dolori articolari? Dieta e allenamento

Le articolazioni fanno male quando i muscoli lavorano, ma la colpa non è tanto dell’allenamento in sè: spesso l’aspetto più rilevante è la carenza di determinate sostanze nutritive e una dieta scorretta. L’infiammazione infatti è promossa:

  1. da un rapporto sbilanciato tra omega3 e omega6
  2. dall’iperinsulinemia
  3. dalla scarsa presenza di antiossidanti.

Per quanto riguarda il primo aspetto, nella nostra tipica tavolata abbondiamo di omega-6, presenti nei cereali (pasta, pane, pizza, prodotti da forno) e nell’olio, due mattoni fondamentali della dieta mediterranea. L’iperinsulinemia è legata all’eccessiva assunzione di carboidrati, mentre la carenza di antiossidanti è legata primariamente ad un insufficiente apporto di cibo fresco, inteso come frutta e verdura crude che sono molto ricche di vitamina C, A ed E. Queste condizioni si ritrovano spesso quando si cerca di mettere su massa con una dieta ipercalorica (giustissimo cercare il bilancio calorico positivo) ma a volte sbilanciata dal punto di vista dei nutrienti e della scelta dei cibi.

Oltre al discorso alimentare è giusto elencare anche le cause secondarie dei dolori articolari che come accennato possono essere riconducibili anche all’allenamento e allo stile di vita, ed in particolare:

  • sovrallenamento
  • esecuzione errata degli esercizi
  • assenza di riscaldamento
  • sonno di scarsa qualità
  • elevato livello di stress psicofisico

Eliminare l’infiammazione è molto importante perchè oltre a cancellare i dolori articolari si migliorano le prestazioni in palestra grazie a livelli di cortisolo più bassi (e quindi di testosterone più alti), minore catabolismo muscolare, recupero post-workout più veloce, ottimizzata produzione di insulina.

Integratori contro l’infiammazione articolare: glucosamina e condroitina solfato

Dopo questa lunga ma doverosa introduzione, passiamo quindi agli integratori che possono risultare utili quando l’infiammazione è già in corso ma anche per prevenirla, senza dimenticare di fare attenzione alle cause oggettive del problema, elencate nel paragrafo precedente. Abbiamo a nostra disposizione tre candidati, trattasi della Glucosamina Solfato, della Condroitina Solfato e dell’MSM (metilsulfonilmetano).

Questi composti rappresentano un validissimo aiuto per sostenere la salute dei tessuti connettivi che spesso son la principale causa dei dolori articolari, parliamo di:

  • tendini
  • legamenti
  • cartilagini

Proprio relativamente a questi ultimi apparati, gli integratori in questione hanno dimostrato di essere in grado di coadiuvare la loro struttura mantenendola ben idratata e con la giusta elasticità, inoltre si tratta di composti che sono utilizzati anche in ambito clinico per trattare, con terapie alternative, l’osteoartrosi. Di solito detti elementi mancano nella dieta dell’uomo in quanto naturalmente presenti in parti di alimenti che sono considerate scarto, si veda per esempio il guscio dei crostacei.

Ricordiamo infine che trattandosi di integratori è sempre bene utilizzarli nell’ambito di una dieta già di per se equilibrata, in modo tale da non sperimentare altre carenze nutrizionali che possono comunque determinare problematiche di vario genere ed anche a carico delle articolazioni.