Aumentare il reclutamento motorio con le tecniche di ‘cheating’

- Scritto da in Notizie e Novità
tecniche di cheating per imbrogliare il tuo corpo e crescere più in fretta

Da quanto tempo ti alleni? Se sono più di 12 mesi che fatichi in sala pesi, ti alimenti più o meno adeguatamente e ti riposi quanto basta ma non riesci ad ottenere i risultati che vorresti (o peggio ancora non ottieni alcun risultato) probabilmente questa situazione è causata da un allenamento completamente sbagliato. Ricordati che sono tre i requisiti principali che dovrai soddisfare al fine di innescare la crescita muscolare ipertrofica. Parliamo di: raggiungimento del bilancio calorico e azotato positivi e sufficiente reclutamento motorio ad evitare che il tuo fisico possa adattarsi allo sforzo cui lo sottoponi.

Sembra un aspetto di poco conto ma anche il mancato soddisfacimento di uno solo di questi requisiti inibisce sensibilmente o blocca completamente le possibilità di aumento della massa magra. In questa sede parleremo di reclutamento motorio e di come di volta in volta renderlo più profondo, ed evitare appunto l’adattamento fisiologico allo sforzo. Spiegheremo come raggiungere questo risultato con le tecniche di ‘cheating’, una parola che letteralmente sta a significare ‘imbroglio’ e proprio di questo si tratta!

Tecniche di cheating: cosa sono e come eseguirle correttamente

Accennavamo sopra ad un imbroglio che verrà perpetrato ‘ai danni’ del tuo apparato motorio che appunto verrà ingannato in quanto sollecitato con carichi che saranno nettamente al di sopra delle reali possibilità fisiche di cui disponi. In poche parole si tratta di un insieme di slanci e movimenti che faranno in modo di poter, ad ogni allenamento, esercitarsi con carichi superiori rispetto a quelli che i tuoi muscoli ti permetterebbero di sollevare.

Tutto questo servirà per fare ad ogni serie quelle due o tre ripetizioni che ti faranno di volta in volta superare anche se di poco l’intensità del precedente allenamento, facendo in modo così che il tuo fisico, per adattarsi alla nuova situazione indotta dal superiore sforzo, cresca costantemente. Questo è fondamentale per evitare di entrare in fasi di stallo da cui difficilmente si riesce ad uscire e che determinano non soltanto l’assenza o la scarsità di risultati, ma anche una frustrazione di carattere psicologico che ti porterà a produrre eccessive quantità di cortisolo (un ormone pesantemente proteolitico) ed anche a intraprendere strade e strategie completamente sbagliate.
Andiamo quindi a vedere in quali esercizi è possibile applicare il cheating, senza incorrere in facili infortuni.

Tecniche di cheating: solo per atleti veterani o costantemente seguiti da un trainer

Prima di vedere con quali esercizi è possibile eseguire queste tecniche per aumentare l’intensità, dobbiamo fare due fondamentali precisazioni:

  • esegui queste strategie solamente in fase di massa e quando la tua percentuale di grasso corporea liquido sottocutaneo è sufficiente a lubrificare le articolazioni, riducendo drasticamente le possibilità di incorrere in infortuni. Non è un caso che la maggior parte dei danni alle articolazioni di spalle, ginocchia, polsi etc. si registrino proprio nei momenti di massima definizione muscolare, quando vengono a mancare quei coadiuvanti quali sono ritenzione idrica e lipidi che appunto lubrificano le articolazioni;
  • se sei un neofita della palestra, evita di provare il cheating se non in presenza di uno spotter adeguatamente preparato, ricorda che queste tecniche possono essere molto efficaci ma anche pericolose se effettuate in modo scorretto.

Andiamo dunque a vedere in quali esercizi è possibile effettuare il cheating: curl bilancere o manubri per allenare bicipiti, trazioni al pulley per allenare i dorsali, lat machine frontale e posteriore sempre per allenare la schiena, alzate al mento per i deltoidi. Ci sono poi anche altri esercizi in cui sarebbe possibile applicare queste tecniche, ma il rapporto rischio/beneficio in questi casi (come per esempio parallele, military press e bench press) è veramente troppo elevato.

NB: elevare l’intensità di allenamento seguendo i consigli suddetti è certamente efficace in termini di crescita muscolare ma pone l’atleta ad una serie di rischi più o meno remoti che vanno di volta in volta presi in considerazione, valutando attentamente il sovraccarico reale che viene effettuato non soltanto nei confronti dei muscoli, ma anche di tutti gli apparati che collegano questi ultimi ad altri muscoli e alle ossa. Parliamo di tendini e legamenti. Dunque ti assumi tutta la responsabilità per eventuali infortuni in cui potresti incorrere, scaricando fin d’ora lo staff di NutritionCenter.

Se vuoi meglio comprendere attraverso un esempio reale come effettuare un cheating, guarda il video sottostante, e ricorda che prodotti come cinta, fasce elastiche e glucosamina solfato ti possono aiutare nello svolgimento di queste tecniche.