Aminoacidi e sport funzionali

- Scritto da in Integratori Notizie e Novità
aminoacidi essenziali e sport

Gli sport funzionali sono quelli che prevedono una attività fisica finalizzata a migliorare le funzioni motorie. A seconda del tipo di intensità vengono utilizzati diversi attrezzi come funi, sacchi, tubi, gomme, in maniera che il corpo riesca a muoversi e svilupparsi nelle tre direzioni. Il proprio corpo è considerato esso stesso come sovraccarico, da sfruttare per i piegamenti, le trazioni, le parallele e così via. Ovviamente si utilizzano anche attrezzi più convenzionali come anelli, palle mediche, elastici, bilancieri, fitball eccetera.

L’assunzione di aminoacidi in ambito sportivo è un’abitudine fortemente consolidata: sin dagli anni 60 sono stati utilizzati per massimizzare la fase di recupero e sostenere l’aumento della massa, sfruttando in particolare le caratteristiche degli aminoacidi ramificati.

Aminoacidi e sport: ramificati ed essenziali

Il muscolo scheletrico è costituito per oltre la metà da questi BCAA che in presenza di fattori stressanti vengono degradati velocemente e andrebbero altrettanto velocemente ripristinati. Negli ultimi anni si è affermata una tendenza (che comunque è sempre esistita) a porre l’attenzione non solo alla muscolatura, perché lo stress coinvolge molteplici funzioni e organi vitali, ciascuno dei quali necessita di nutrienti particolari per far fronte al recupero.

Tale teoria si applica a maggior ragione negli sport di prestazione e nelle attività funzionali come ad esempio il crossfit, nonché per gli allenamenti definiti di functional training. Si tratta di esempi in cui la prestazione è portata ai massimi livelli con la necessità di riequilibrare i vari fattori stressanti, non solo muscolari ma anche mentali, a cui il corpo umano è sottoposto durante le sessioni.

Gli aminoacidi essenziali nello sport funzionale? Non solo energia

Gli aminoacidi essenziali sono così definiti perché il nostro corpo non li può produrre in maniera autonoma e vanno introdotti dall’esterno. Da questi elementi il corpo riesce a produrre tutti gli altri aminoacidi di cui ha bisogno.

Gli aminoacidi essenziali corrispondono ai tre ramificati valina, isoleucina e leucina cui si aggiungono la lisina, la metionina, il triptofano, la fenilalanina, la treonina, l’istidina. Ognuna di queste molecole ha delle caratteristiche particolari: la treonina ad esempio regola il turn-over delle proteine, si occupa di rigenerare i tessuti ed in particolare il collagene e migliora la azione disintossicante dell’organo epatico. La lisina regola la secrezione dell’ormone della crescita e il funzionamento del sistema immunitario mentre la fenilalanina modula la concentrazione di adrenalina e dopamina nonché degli ormoni tiroidei.

Perchè integrare aminoacidi essenziali negli sport funzionali

Integrare gli aminoacidi essenziali è particolarmente consigliato negli sport ad elevate intensità, perché l’energia in questi casi non può derivare solo dagli zuccheri ma anche da queste sostanze.

Gli aminoacidi essenziali sono capaci di regolare l’intero sistema e a determinare un recupero ottimale, orientato non solo alla muscolatura ma a tutto il resto del corpo.

Questo tipo di supporto naturale va oltre le semplici formule post allenamento perché riesce ad equilibrare il giusto carico dei nutrienti rispetto ai pasti consumati, ad esempio quando non vengono introdotte abbastanza proteine o comunque di un valore biologico non particolarmente elevato.

Grazie quindi agli aminoacidi essenziali, chi pratica sport funzionali riuscirà ad aumentare la qualità totale della propria alimentazione a fini sia anabolici che ricostruttivi.