Acido linoleico coniugato: l’omega 6 per dimagrire

- Scritto da in Integratori Notizie e Novità

Acido linoleico coniugato è un integratore noto anche come CLA, una forma di acido omega 6 contenuta in molti prodotti tipici della dieta mediterranea ed in particolare nei derivati del latte e nella carne bovina. Stiamo parlando di una sostanza antinfiammatoria e antiossidante, assimilata all’interno della barriera fosfolipidica che determina la struttura della membrana cellulare

La sua assunzione è legata ad alcuni trattamenti chimici per il mantenimento del peso corporeo e come terapia in affiancamento per migliorare lo stato di patologie tumorali. Inoltre questo integratore aiuta il corpo a trasportare i grassi verso i mitocondri per l’utilizzo a scopo energetico nonché fornisce un sostegno alla crescita della massa muscolare magra. I prodotti che lo contengono sono in genere commercializzati come capsule e grazie ai numerosi benefici sulla salute vengono utilizzati ampiamente anche da numerosi atleti e cultori del fisico.

Le nostre migliori offerte NutritionCenter.it

Lipo 6 CLA 90 softgelCla Core 90cpsPure CLA 1250 90 cps

Acido linoleico coniugato, tutti i benefici

Grazie un integratore di CLA si possono trattare numerosi sintomi e malattie. L’aterosclerosi ad esempio è quella condizione per cui il grasso tende ad accumularsi lungo le arterie, ostruendo il passaggio del sangue e aumentando il rischio di un attacco cardiaco o di un ictus. Attraverso un supplemento di acido linoleico nella misura di 4 g al giorno, questi problemi cardiovascolari vengono tenuti sotto controllo e ridotti.

Analogamente il supplemento di acido linoleico riesce a migliorare i sintomi asmatici, intervenendo a sostegno del sistema immunitario per migliorare l’irritazione delle vie respiratorie. Questa molecola viene utilizzato con successo nei casi di asma lieve e allergie.

Nei casi di diabete, è il medico curante che decide se prendere o meno in considerazione l’assunzione di questi integratori: in linea generale il CLA può comportare un maggiore rischio di incorrere nella sindrome metabolica nell’ambito di tale patologia e aumentare la resistenza all’insulina, tuttavia può risultare utile per la riduzione del grasso corporeo, come vedremo nel prossimo paragrafo.

Acido linoleico coniugato: massa e dimagrimento

Per quanto riguarda l’attività sportiva, si tratta di un prodotto capace di conservare il fisico in una forma ottimale, considerando che lo stress della palestra in combinazione all’avanzare dell’età, provocano una naturale perdita della massa muscolare, fenomeno che viene però contrastato da prodotti che contengono CLA.

Come dimostrato da numerose ricerche inoltre, la molecola dell’acido linoleico è determinante nella gestione del peso corporeo, soprattutto nei soggetti che partono da una condizione di obesità. Non tutti gli studiosi sono concordi sulla misura dell’efficacia del CLA, che può essere più o meno evidente a seconda dell’individuo per via della personale sensibilità all’insulina.
Quello che però interessa sottolineare è che dal punto di vista chimico tale prodotto è particolarmente attivo soprattutto durante le ore del sonno esplicando la sua attività brucia grassi.

Con 4 g al giorno di acido linoleico coniugato, è stato dimostrato che nell’arco di sei mesi migliora il consumo energetico durante le ore della notte, migliorando il processo di perdita di peso attraverso l’utilizzo dei grassi in via preferenziale, rispetti carboidrati, come fonte energetica. Questo si traduce in una migliore composizione corporea e in una stabilizzazione dei livelli del colesterolo.

Acido linoleico coniugato: come assumerlo

Le dose raccomandata dalla letteratura specialistica varia dai 3 ai 4 g al giorno per gli adulti, un quantitativo ideale calcolato per il controllo del peso e il trattamento dell’obesità. A seconda dello stile di vita e delle differenti necessità del soggetto, l’indicazione è quella di consumare 1,8 g di CLA quotidianamente per al massimo 6 giorni.

Si consiglia di assumerlo dopo i pasti per ridurre il rischio di reazioni secondarie e rallentare la velocità con cui viene rilasciato nel sangue.